Translate

16/05/12

Raccogliere per emozionarsi - Gam Torino




Fra i primi musei d’Italia dedicati all’arte contemporanea la Galleria d’Arte Moderna di Torino non ha mai cessato di accogliere i cambiamenti culturali, seguendo e spesso anticipando il variare del gusto estetico. Per festeggiare questo continuo e pregiato aggiornamento è stata realizzata la mostra “Strangers” ordinata da Riccardo Passoni. Un’esposizione di alcuni dei pezzi più pregiati, di produzione straniera, della collezione permanente, che si è potuto realizzare grazie al sostegno di tanti aiuti esterni, quali la Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT. Una stupenda carrellata storica che spazia da Josef Albers, passando per Karel Appel, Jean Fautrier, Pablo Picasso, fino a un delicato lavoro di Cy Twombly. 

Come sempre la collezione permanente è proposta nei diversi piani in percorsi che, con la nuova direzione di Danilo Eccher, ogni anno vengono rinnovati seguendo preziose suggestioni e percorsi ideati da storici e critici dell’arte, ma non solo. 
Questo progetto permette una rotazione delle opere presenti nella raccolta della GAM, creando così un continuo rinnovamento e riscoperta delle meravigliose opere custodite. Ora l’allestimento è stato costituito da quattro argomenti scegli da docenti universitari di fama nazionale. 

L’Anima, tema scelto da Vito Mancuso, professore Ordinario di Teologia moderna e contemporanea presso la Facoltà di Filosofia dell’Università San Raffaele di Milano, vede, oggi, una radicale riformulazione del suo significato. Mancuso si sofferma sulle difficoltà contemporanee nel riconoscere l’anima come entità persino all’interno degli organi ecclesiastici, e la necessità quindi di rielaborarne il senso sulla scorta del nuovo contesto scientifico e filosofico. Rielaborazione che ritroviamo anche nell’arte e nel percorso al primo piano, in cui si passa dalla religiosità cristiana delle opere ottocentesche di Andrea Gastaldi e Innocenzo Spinazzi, all’espressione di una condizione umana in Antonio Fontanesi, fino alla concezione di anima come spiritualità assoluta, partecipazione al mondo, che si fa letteraria in Gino De Dominicis, rituale in Hermann Nitsch o poetica in Anselm Kiefer, di cui si presenta il capolavoro Einschüsse, grande opera recentemente acquisita dalla GAM. 

Di tutt’altro tenore il tema dell’Informazione, sempre al primo piano, scelto da Mario Rasetti, Professore Ordinario di Fisica teorica, modelli e metodi matematici al Politecnico di Torino. L’informazione, nel campo della Fisica, è intesa come una grandezza paragonabile a massa, energia, velocità. Si riferisce alla capacità delle molecole di essere portatrici di simboli, codici e segnali, di operare cioè come un messaggio necessario alla propagazione della vita. La concezione dell’uomo e della natura è per questo motivo analizzata confrontando diverse interpretazioni: la ciclicità delle stagioni nella serie diLuigi Baldassarre Reviglio, l’elemento naturale che trova una ridefinizione nelle ricerche dell’Arte Povera, con le energie cosmiche di Giovanni Anselmo, l’aspetto alchemico di Gilberto Zorio e la crescita naturale diGiuseppe Penone. Così i segni biomorfi di Carla Accardi e la visione analitica dello spazio di Dadamaino. 

Al secondo piano del museo incontriamo la Malinconia, tema scelto da Eugenio Borgna, Primario emerito di psichiatria dell’Ospedale Maggiore di Novara e libero docente in Clinica delle malattie nervose e mentali dell’Università di Milano. La malinconia è intesa qui come condizione umana e mentale, concezione di un tempo “immobile e stregato”. Questa caratteristica di temporalità sospesa si proietta sulla realtà e sulle attività circostanti, come nel tragico Asfissia! di Angelo Morbelli, e pervade le nature morte di Giorgio de Chirico e Filippo De Pisis, lo spazio e gli oggetti nel video di Ursula Mayer e nelle fotografie di Elisa Sighicelli e Francesca Woodman, i paesaggi sospesi di Carlo Carrà e l’arte stessa in Giulio Paolini. 

Infine, sempre al secondo piano, il Linguaggio è stato scelto da Sebastiano Maffettone, Professore Ordinario di Filosofia Politica presso la Facoltà di Scienze Politiche della Luiss Guido Carli. Dopo un prologo che evidenzia il rapporto dell’arte con la letteratura nelle opere ottocentesche di Antonio Canova, Massimo D’Azeglio, Carlo Arienti, il percorso si sofferma sulla nascita ed evoluzione dei linguaggi artistici, dalle diverse avanguardie di Giacomo Balla e Lucio Fontana, al neorealismo pop italiano di Mario Schifano in dialogo con quello internazionale di Andy Warhol e Mark Dion, per chiudersi con il ritorno alla letteratura nell’utilizzo del carattere tipografico di Nanni Balestrini.

La GAM presente anche altre due iniziative espositive. Vitrine curato da Luigi Fassi che in questo periodo ha scelto un’intrigante tecnologica opera di Alessandro Sciaraffa intitolata Akasha, nella foto, costituita da una serie di pannelli di cristalli liquidi assemblati a muro sino a sagomare completamente l’ambiente che interagisce col calore. 

Mentre al secondo piano è proposta la delicata sezione Wunderkammer, spazio dedicato all’esposizione del patrimonio grafico del museo, che ora presente i preziosi disegni di Giuseppe Mazzola (1748–1838). 

Contemporaneamente è proposto nella videoteca il nuovo acquisto della Fondazione CRT per l’Arte Moderna e Contemporanea all’ultima edizione di Artissima del video di Karl Holmqvist “I am with you in Rockland” composto su un testo di Allen Ginsberg.

Nessun commento: