Translate

31/01/17

You are my biggest inspiration*



Da più di venticinque anni presenziano alle principali occasioni d'arte contemporanea vestite in  modo identico e giocando su una immagine ermafrodita, sono Eva e Adele.

Oramai diventate esse stesse opere artistiche performative. Più che giusto che il Museo di Arte Moderna di Parigi, come già altri, dedicano a questa celebre coppia una mostra. 




Esse si auto-proclamata l'ermafrodito Twins Art (le gemelle ermafroditi nell'arte), sono una coppia insolita ed emblematico dell'arte attuale, esempio di chi vive in una dimensione che va oltre il genere sessuale e che si propone con una grande e raffinata enfasi estetica. 



Nelle altre sale sono in corso una mostra su B.Buffet e Carl Andre.

30/01/17

Condo 2017



Nella quiete stagione invernale torna anche quest’anno Condo, una rassegna che raccoglie 15 importanti gallerie internazionali fino all’11 Febbraio, in un interscambio di spazi con proposte giovanili, a Londra.


Simone Subal con  Sonia Almeida

The Approach 1st Floor, 47 Approach Rd, E2 9LY Wed–Sun 12–6pm ospita Simone Subal New York

Carlos/Ishikawa Unit 4, 88 Mile End Rd, E1 4UN Wed–Sun 12–6pm ospita Tommy Simoens Antwerp & ShangART Shanghai



Arcadia Missa

Arcadia Missa Unit 6, Bellenden Rd Business Centre, SE15 4RF Thu–Sat 12–5pm ospita VI, VII Oslo

Chewday’s 139 Lambeth Walk, SE11 6EE Thu–Sat 12–6pm ospita Max Mayer Düsseldorf

Emalin Unit 4, Huntingdon Estate Bethnal Green Rd, E1 6JU Wed–Sat 11–6pm ospita Gregor Staiger Zurich


Proyectos Ultravioleta

Greengrassi 1A Kempsford Rd, SE11 4NU Tue–Sat 11–6pm ospita Proyectos Ultravioleta Guatemala City

Herald St 2 Herald St, E2 6JT Wed–Fri 11–6pm, Sat–Sun 12–6pm ospita Tanya Leighton Berlin & The Modern Institute Glasgow



Dépendance

Maureen Paley 21 Herald St, E2 6JT Wed–Sun 11–6pm ospita dépendance Brussels

Project Native Informant Morley House, 3rd Floor, 26 Holborn Viaduct, EC1A 2AQ Wed–Sat 12–6pm ospita Mother’s Tankstation Dublin & Queer Thoughts New York



Franziska Lantz con Rodeo

Rodeo 123 Charing Cross Rd, WC2H 0EW Tue–Sat 10–6pm ospita Supportico Lopez Berlin

Sadie Coles HQ 62 Kingly St, W1B 5QN Tue–Sat 11–6pm ospita Bridget Donahue New York
Southard Reid 7 Royalty Mews, W1D 3AS Tue–Sat 11–6pm ospita Koppe Astner Glasgow

The Sunday Painter 1st Floor, 12–16 Blenheim Grove, SE15 4QL Thu–Sat 12–6pm ospita Jaqueline Martins São Paulo & Seventeen New York/London & Stereo Warsaw



Eric Schmid con Neue Alte Brücke

Vilma Gold 6 Minerva Street, E2 9EH Tue–Sat 11–6pm ospita Neue Alte Brücke Frankfurt am Main

Union Pacific 17 Goulston St, E1 7TP Wed–Sat 12–6pm ospita Misako & Rosen Tokyo & Jan Kaps Cologne.





Abstract: The Art of Design



Lo sbarco di Netflix nel panorama video sta diventando sempre più articolato, superata la grande diffusione del vasto filone dei serial televisivi di grande successo ora è in arrivo una programmazione più dedicata che guarda anche a sfere di mercato più selettive.




Così l’offerta si sta svolgendo anche alla sezione dei documentari, con serie dedicate alla natura e alla tecnologia, e dal 10 Febbraio arriverà nella programmazione italiana “Abstract: The Art of Design” una programmazione dedicati alla creatività raccontata nel suo formarsi progettuale, un viaggio nel fare delle cose in diretta con importanti creativi quali l’illustratore Christoph Niemann, la l’interior scenografa Es Devlin o il famoso architetto Bjarke Ingels.  



29/01/17

Naturalia



La Galleria Paul Kasmin di New York e il Dipartimento Old Masters della Sotheby’s organizzano fino al 4 Marzo una bella mostra sul tema della natura, declinato da artisti di ogni stagione artistica, una bella esposizione ricca di suggestive opere che attraversano sei secoli di storia dell'arte



CS

This January, Paul Kasmin Gallery and Sotheby’s Old Masters Department will present their first collaborative exhibition, Naturalia, curated by Danny Moynihan. The show will be comprised of works spanning six centuries which share a fundamental focus on the examination of natural science and its myriad presentations in art.
It is hard to imagine now the sense of wonder and discovery that artists of centuries past felt when studying nature - for man was still on the edge of the world, discovering new species of plants and animals at a pace unlike almost any other in modern history.  Nature was as admired as it was feared, concurrently paradisiacal and dangerous, giving it both the sense of the exotic and of dark mystery.
It is in this spirit that earthly metaphors have been borrowed, stolen and created by artists and writers over the millennia.  In recent decades, interpreting nature or simply using nature to convey a theme or subject has been one of the most fascinating conceptual ways in which many renowned contemporary artists have positioned their work. Damien Hirst‘s Devastation, 2008, is comprised of tens of thousands of dead flies thickly layered on a canvas.  From afar, the painting is black and dense but upon closer inspection it glistens delicately, evoking both the inevitability and beauty of mortality. In every seed lies the gene of its own destruction—a consistent theme in Hirst’s work over the last twenty years, as well as for many artists in the exhibition.  Mat Collishaw’s The Venal Muse. Evergreen, 2012, and Mark Dion’s Stork, 2016, also explore the idea of decay and beauty as inexorably bound. Sam Taylor-Johnson’s seminal video installation Still Life, 2001, demonstrates the slow decay of a ripe basket of fruit into eternal dust.  Fred Tomaselli’s forboding nocturnal landscape from 1996, Esopus Creek Bug Drop, is an innovative advancement to a genre whose 17th century originator, Otto Marseus van Schrieck, is as well represented in the exhibition.
The sense of wonder and the sublime in nature is captured by Walton Ford’s monumental Loss of the Lisbon Rhinoceros, 2008, juxtaposed here with Albrecht Dürer’s famous depiction of the very same exotic animal, both inspired by the story of the animal’s tragic 15th century voyage to Rome. With these two critical images as launching points, we cannot help but reflect on the consequences of human interference in our delicate world. Works by Theodora Allen, Adam Fuss, Michael Joo and Sean Landers evoke the sublime and conjure the same fantastical anthropomorphic narratives as the 17th century Dutch painter Matthias Withoos’ extraordinary Landscape with Birds and Flowers in the Underbrush of a Wood, 1660. 
Themes of precise scientific observation are examined in various early gouaches presenting minutely detailed renderings of individual animals and plant species. Among these is a rare and important pair of 16th century works on vellum by Jacques Le Moyne de Morgues; A Thistle and a Caterpillar and A Linnet on a Spray of Barberry. These evoke the same exquisite preciousness as Rachel Feinstein’s’ eroticized Goldfinger, 2012.

Contemporary artists in the exhibition include Theodora Allen, Louise Bourgeois, Mat Collishaw, Mark Dion, Keith Edmier, Rachel Feinstein, Walton Ford, Adam Fuss, Rafael Gomezbarros, Damien Hirst, Henry Hudson, Patrick Jacobs, Michael Joo, Sean Landers, Liu Dan, Polly Morgan, Roxy Paine, Sam Taylor-Johnson, Fred Tomaselli, Alexis Rockman, Mark Ryden and Jennifer Steinkamp.


Old Master paintings from the 16th, 17th, 18th and 19th centuries by the following artists will as well be included in the exhibition; Charles Hippolyte Aubry, Jacques Barraband, Alfred Batson, Willem van den Berg, Adolphe Braun, Johannes Bronckhorst, Jan Brueghel the Elder, Jan, Brueghel the Younger and Studio, Elias van den Broeck, Dr. Hugh Welch Diamond, Barbara Regina Dietzsch, Albrecht Dürer, Frederick H. Evans, John Beasley Greene, Jan van Kessel the Elder, John Dillwyn Llewelyn, Capitaine Louvel,, John Lyman Lovell, Jacob Marrel, Maria Sibylla Merian, Jacques Le Moyne de Morgues, Paolo Porpora, Otto Marseus van Schrieck, James Ross & John Thompson, Nicolaas Struyk, William Henry Fox Talbot, Edouard Traviès, Felix Teynard, James Ward, Matthias Withoos and Joseph Wolf.
A printed brochure and comprehensive e-catalogue will accompany the exhibition.
Danny Moynihan is best known for his satirical novel of the art world Boogie-Woogie. He is also a painter and founder of Photo London and the Marrakech Biennale. His previous curated shows include Psycho (2000) an exhibition on the anatomy in art and Between a Rock and Hard Place (2016) an exhibition on the rock in art. 

28/01/17

Miss e Mister Gam




C'è tempo fino al 27 Marzo per scegli uno dei 18 candidate miss e 18 candidati mister, selezionandoli tra le 35 donne e i 35 uomini in concorso.

Ma non si tratta di persone in carne ed ossa ma delle opere esposte alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma che ritraggono figure umane.


Una divertente idee per "incontrare" i personaggi di questo grande musei italiano.

Il progetto è iniziato ad Ottobre e finirà per i voti online a fine Gennaio e poi si passerà alla selezione dei "vincitori" con i personaggi proposti nella sala Centrale della galleria. Fra i votanti on line si estrarrà anche un biglietto per la visita della GAM.

Tu chi sceglierai? 

Io ho votato per Maria Meditazione e Giuseppe Mantello. 


27/01/17

Vedute di stupore



Da alcuni anni le Gallerie d'Italia, del gruppo Intesa-San Paolo, stanno arricchendo il patrimonio culturale del nostro paese. 

Le tre sedi (Vicenza, Napoli e Milano) sono sempre occasioni di mostre di gran prestigio e qualità.

Non sorprende quindi che grande riscontro sta ottenendo l'attuale mostra "Bellotto e Canaletto. Lo stupore e la luce”, curata da Bożena Anna Kowalczyk, che ha selezionato più di cento opere tra dipinti, disegni e incisioni, molti dei quali mai esposte prima in Italia, nella sede di Milano.

Il progetto espositivo è dedicato al genio pittorico e all'intelligenza creativa di Antonio Canal, detto “il Canaletto”, e suo nipote Bernardo Bellotto,  geni del vedutismo veneziano del settecento.
Se il primo apre una creazione visiva dettagliata ed elegante, il secondo realizza una sensibilità più quotidiana e internazionale. 
La mostra, che durerà fino al 5 Marzo, è molto ben allestita con un pratico supporto informativo. Le opere provengono dalle più importanti collezioni internazionali quali il Museo di Cleveland, la raccolta reale inglese, il Met di New York e l'Ermitage di San Pietroburgo. 
Foto di  Maurizio Tosto


Informazioni mostra
25 novembre 2016 - 5 marzo 2017
Gallerie d’Italia – Piazza della Scala 6, Milano

Apertura
Martedì - domenica 9.30-19.30 (ultimo ingresso ore 18.30)
Giovedì 9.30-22.30 (ultimo ingresso ore 21.30)
Lunedì chiuso

Biglietto: intero 10 euro, ridotto 8 euro, ridottissimo 5 euro

Gratuito per le scuole, minori di 18 anni e la prima domenica del mese
Informazioni

Numero verde 800.167619; info@gallerieditalia.com; www.gallerieditalia.com

Abitare con Roberto Fassone



sibi [come fare un’opera d’arte concettuale]
h. 16, Sala Polivalente – Manica Lunga del Castello di Rivoli

A partire da un’indagine sui codici linguistici, culturali e sociali che definiscono l’opera d’arte, la sua produzione e la sua fruizione, tra il 2011 e il 2012 Fassone ha creato sibi, un digital game, un cybertesto e un progetto artistico che funziona come generatore di artefatti creativi ed è in grado di produrre oltre cinquanta miliardi di set di istruzioni. Nella performance al Castello di Rivoli l’artista affida la sperimentazione di sibi a un gruppo di partecipanti e, nel frattempo, presenta al pubblico una lezione sui processi creativi e sulla loro attivazione nelle arti visive, nel design, nella magia, nella psicoterapia, nella letteratura e nella pubblicità. La struttura della performance intende ricalcare metaforicamente le fasi che caratterizzano la nascita di un’idea artistica.

Roberto Fassone (Savigliano, 1986), ha studiato Progetto Grafico e Virtuale al Politecnico di Torino e Progettazione e Produzione delle Arti Visive allo IUAV di Venezia. La sua ricerca, contrassegnata da una forte componente concettuale, si declina in linguaggi che variano dalla performance al video, dal workshop all’archivio, esplorando le potenzialità linguistiche e comunicative dei digital media. Ha esposto e performato in vari contesti tra i quali Fanta Spazio, Milano, e il Mart, Rovereto (2016), Carroll/Fletcher, Londra, e ZHdK, Zurigo (2014). Ha recentemente vinto il secondo premio di AOYS (ArtOnYourScreen) allo ZKM di Karlsruhe e il primo premio del Cross International Performance Award.

Vi ricordiamo che la partecipazione è libera e gratuita, ma occorre l’iscrizione, effettuabile via mail a questo indirizzo o direttamente al Castello di Rivoli in occasione dell’evento (chi è già iscritto alle attività del progetto ABITARE IL MINERALE dovrà semplicemente accreditarsi e registrare la propria presenza).

Bologna art city 2017



Dal 27 al 29 gennaio torna a Bologna l'intenso weekend dedicato all'arte e alla cultura con la quinta edizione di ART CITY Bologna, il programma di iniziative istituzionali promosso da Comune di Bologna in collaborazione con BolognaFiere, in occasione di Arte Fiera, che si propone di offrire nuove prospettive di visita al patrimonio storico-artistico della città attraverso opere di artisti contemporanei.

Nel 2017 ART CITY Bologna affianca Arte Fiera nel segno di una collaborazione sempre più ampia e integrata grazie alla ad ART CITY Polis, una nuova sezione progettuale in cui convergono due sguardi sulla città: il dialogo tra cornice storica e arte contemporanea e il tema della convivenza civile.

Nell'ambito di ART CITY Polis, l'Istituzione Bologna Musei ha invitato alcuni artisti a realizzare progetti espositivi speciali appositamente concepiti per alcuni dei suoi spazi museali: Marco Di Giovanni al Museo internazionale e biblioteca della musica, Chiara Lecca alle Collezioni Comunali d'Arte, Ornaghi & Prestinari a Casa Morandi, Martino Genchi al Museo Civico Medievale.

Grazie alle numerose istituzioni, enti pubblici e operatori culturali attivi in città che anche quest'anno hanno aderito ad ART CITY Bologna, sono 100 gli appuntamenti - tra mostre, azioni performative,
incontri, proiezioni cinematografiche e iniziative per bambini - che animano 55 sedi aperte al pubblico con ingresso gratuito, o ridotto, con biglietto Arte Fiera, consultabili sulla guida ART CITY Map e accessibili con il servizio gratuito di mobilità ART CITY Bus.

26/01/17

n.i.c.e. 2017



N.I.C.E. New independent curatorial experience 
IL CORSO PER CURATORI DI PARATISSIMA

N.I.C.E. New Independent Curatorial Experience, è il corso per curatori di Paratissima che si propone sia come occasione formativa, sia come luogo di esperienza pratica. N.I.C.E. è un progetto unico che trasforma l’evento artistico in una palestra in cui mettere a frutto le conoscenze teoriche acquisite.


Con un’impostazione orientata prevalentemente al lavoro sul campo, attraverso il “learning by doing”, l’analisi di case study e un approccio collaborativo, il corso vuole essere un training per avviare i giovani curatori, o aspiranti tali, a questa professione, coinvolgendoli in prima persona nella curatela e nell’organizzazione di mostre all’interno di Paratissima 2017.


Fino al 22 febbraio sono aperte le iscrizioni alla quarta edizione di N.I.C.E.

The Transylvania Archive



Come indagare verità e mito attraverso gli archivi? 

Dal 28 gennaio fino al 25 giugno; il Het Nieuwe Instituut di Rotterdam presenta il progetto "La Transilvania Archivio" del duo di artisti Marta Volkova e Slava Shevelenko. Il progetto tesse ingegnosamente insieme temi come il valore di un archivio, come gli artisti si riferiscono al potere e la paura degli stranieri.



CS

The artist duo


'We come from Russia, a country where archives often remain locked, which means that people can be fooled into thinking anything about history,’ according to Marta Volkova and Slava Shevelenko.
 
Current events or phenomena are what prompt Volkova and Shevelenko to make works in which myth and reality are intertwined. The Transylvania Archive concerns a KGB archive that turned up in Romania some years ago. According to Shevelenko and Volkova, this archive reveals how the Russian secret service spent years investigating the yeti (also known as the Abominable Snowman), hunting him down and eventually wiping him out. The Transylvania Archive is an installation in three parts: an archive, some Yeti body parts, and documents relating to the tragic adventures of an artist who was on the KGB research team. It features video footage, drawings, paintings and three-dimensional objects.

The questions raised by Volkova and Shevelenko concerning the relation between archives and the construction of myths are of interest to Het Nieuwe Instituut, which is charged with the important task of managing the State Archive for Dutch Architecture and Urban Design. The institute previously organized the series New Archive Interpretations and the exhibition series Surprising Finds in which personal selections of archival items led to a certain degree of myth-making. The Transylvania Archive scrutinizes the vulnerable relation between a personal perspective and the desire for objective reality, as is commonly aspired to in an archive or collection.

Biography

Marta Volkova and Slava Shevelenko have been working together as an artist duo for over a decade. Prior to that, they each had their own practice. They operate in various disciplines, making spatial installations that incorporate wooden figures, paintings, drawings, ceramics and videos. Born and raised in Saint Petersburg (Russia), they have lived in the Netherlands since 1991. Examples of recent projects are: Paintures about me at the Bonnefantenmuseum, Maastricht (2013); About Space and Love at the Hermitage Amsterdam (2013), From the Life of the Beetles at KAI 10/ Arthena Foundation, Dusseldorf, and The Altai Files at the Bonnefantenmuseum (2016).

Elegantia



Si inaugura, alla Triennale di Milano, il prossimo  28 Gennaio la mostra "Elegantia" prima personale del duo di artisti belgi Jos de Gruyter & Harald Thys in un’istituzione italiana, curata da Francesco Garutti.
Il progetto è concepito come una costruzione di un ambiente in dialogo rigoroso con le sale del Palazzo dell’Arte, immaginato come una messa in scena dell’idea stessa di “mostra”, riflesso mentale e miraggio artificiale di un allestimento. 
Jos de Gruyter & Harald Thys, trent’anni fa si incontrarono al Sint Lucas University College of Arts and Design di Bruxelles nel 1987. Da allora hanno dato forma a un corpus di opere eterogeneo e complesso che muove dalla produzione video per abbracciare poi il disegno e la scultura, l’installazione, il suono e la performance.

25/01/17

Jack Contemporary Arts Tv




Un museo che vuole produrre cultura guarda anche alla diffusione e ora il Maxxi di Roma si lancia in un progetto di un canale televisivo sul web dedicato tutto alle arti contemporanee, coinvolgendo diversi enti nazionali ed internazionali, come la Triennale di Milano o il Foam di Amsterdam.



L'iniziativa prende il nome di "Jack Contemporary Arts Tv" e la trovate al link http://www.jackarts.tv/ 

Haus Mödrath




Una grande nuova realtà espositiva aprirà in Germania alla fine di Aprile si tratta della "Haus Mödrath" . Un grande centro e punto di incontro per l'arte contemporanea, musica e cultura. Con più di 1.000 mq su quattro piani sono situati in un parco di oltre 75.000 mq.



CS
Sollich Architects started planning and working on the restructuring of Haus Mödrath - Räume für Kunst (www.haus-moedrath.de) in Kerpen, easily to be reached in the tri-city area of Cologne, Dusseldorf, and Aix-La-Chapelle, in early 2014. Haus Mödrath - Räume für Kunst will open to the public in April 2017 as a center and meeting point for contemporary art, music and culture. Its more than 1.000 sqm over four floors are situated in a park of more than 75.000 sqm.


The preparations for the first exhibition are well under way. Haus Mödrath - Räume für Kunst will open in April 2017 with the exhibition Aftermieter (Day Roomer), curated by Veit Loers. Quite a few of the about 20 participating international artists have visited Mödrath and are working on their ideas. The focus is on the house itself: civilization and domesticated nature. An abysmal transformation on many levels: from society to individual, from resident to artefact, from animalism to altruism, from artistic strategy to epiphany, from Günther Förg to Eva Kotátková, from Kris Lemsalu to Neil Beloufa – all the way from the cellar to the attic. Next to internationally renowned artists like Andreas Slominski, Michaela Eichwald, Georg Herold, Ed Atkins or Katja Novitskova there are new and re-discoveries like Ajay Kurian and Eric Bainbridge. Several site-specific works will be exclusively produced for this premiere.
Haus Mödrath - Räume für Kunst has a quite extraordinary history: When the manor house was built around 1830 it was mostly used privately, for residential purposes. The house was called Burg Mödrath (Mödrath Castle) vernacularly even though it never was one. It belonged to a village, which all but disappeared due to strip mining. The origin of the house is a mill that produced pigments dating back centuries. Haus Mödrath was the first electrified building in the whole district. Mrs. Stockhausen did give birth there to her son Karlheinz. More than a million people celebrated right next to Haus Mödrath together with the German Pope. It was self-evident to center the first exhibition of this Kunsthalle, which was founded out of civic engagement and without a collection, on the house itself and its surrounding park.

Opening week, Sunday April 23, 2017 till Saturday April 29, 2017, noon - 6 pm.

Agenda Indipendents

Franco Ariaudo , The revolution will not be televised, 2015.

Fra i tanti progetti di Arte Fiera segnaliamo Agenda Independents, curata da  Benedetta Pomini,  una mostra che presenta le opere di Franco Ariaudo, Alessandro Calabrese, Stefano Canto, Feng Chen, Kenta Kobayashi, Giuseppe De Mattia, Pedro Hernandez, Joanna Piotrowska, e Alberto Sinigaglia.

Con il tentativo di mappare una serie di esperienze riconosciute come fondamentali all’interno del panorama artistico contemporaneo, la mostra nasce dall’incontro tra alcune gallerie italiane ed internazionali, accomunate da una stessa particolare sensibilità ed attenzione nei confronti della fotografia e dei suoi recenti sviluppi. 
Selezionate sulla base della qualità della loro ricerca, Capsule, Colli Independent, G/P Gallery, Madragoa, Materia, Metronom, Pedro Alfacinha e Viasaterna, sono state invitate a prendere parte a un’esposizione che da un lato si pone come una vera e propria ricognizione per indagare le sempre più frequenti contaminazioni tra la fotografia e gli altri linguaggi dell’arte, e dall’altro mira a rendere prova della positiva frammentazione di uno scenario decisamente unico.

24/01/17

Murakami a Bologna




Anche gli spazi commerciali della Galleria Cavour di Bologna danno un contributo artistico ospitando la mostra "Kirakirà" con le opere di Takashi Murakami proposte nella rinnovata Sala Barocca e nella boutique Louis Vuitton, dove ci saranno anche alcuni pezzi della famosa collezione di moda realizzati dall'artista giapponese. 



L'evento sarà inaugurando nei giorni di Arte Fiera e durerà fino a metà Febbraio.

23/01/17

Li Songsong a Pechino


La galleria Pace di Pechino presenta la sesta mostra di Li Songsong dal titolo Beihai. Sono presentati i più recenti lavori di questo artista dalle intense pennellate. 









22/01/17

Le cascate di Pat Steir


Fino al 28 Febbraio la sede londinese della galleria Dominique Lévy presenta i grandi pannelli cromatici di Pat Steir. Un percorso espressivo iniziato negli anni ottanta e su cui ancora oggi l'artista prosegue la sua ricerca cromatica. 







21/01/17

Marisa Merz al Met Breur



Dal 24 Gennaio il Met Breur dedicherà a Marisa Merz una importante retrospettiva.

Sarà dedicata al delicato lavoro pittorico e scultoreo dell'artista torinese, compagna del più noto Mario Merz, oltre che unica protagonista femminile del movimento dell'Arte Povera. 




La mostra propone cinque decenni di lavoro, dai suoi primi esperimenti con materiali artistici non tradizionali alle installazioni fino alle recenti opere più intimiste.



CS del museo 

In January 2017, The Met Breuer will present the first major retrospective in the United States of the Italian painter, sculptor, and installation artist Marisa Merz (born Turin, Italy, 1926). Marisa Merz: The Sky Is a Great Space will bring together five decades of work to explore Merz’s prodigious talent and influence. The exhibition will feature her early experiments with nontraditional art materials and processes, her mid-career installations that balance intimacy with impressive scale, and the enigmatic portrait heads she created after 1975.

The exhibition is organized by The Metropolitan Museum of Art, New York, and the Hammer Museum, Los Angeles.

Merz gained international prominence as part of the circle of artists associated with Arte Povera in the 1960s. An avant-garde movement that rejected Italy’s postwar material wealth in favor of “poor” materials, Arte Povera was identified with the radicalism of the student movement but proclaimed no stylistic or ideological credo except the negation of existing codes and art world limitations. As the sole female protagonist of the movement and one of the few Italian women at the time to present her work in major international venues, she showed a practice that was inflected by gender and cultural differences. Merz’s challenging and evocative body of work was deeply personal and decidedly anticareerist. Its consequence and scope also exceeded its occasionally diminutive scale. Ultimately, Merz’s work was as much a response to her own experience as it was to the art of her contemporaries, and her pioneering practice exists in the interstices between art and life that has become so central to contemporary art making.

Merz’s oeuvre, distinguished by incredible range and uncompromising consistency, often crystallizes the ephemeral and breaks down barriers between public and private space. Her early works started as an expansion of her domesticity, including the group of works in Untitled (Living Sculptures), soft yet sharp-edged tangles of sheet metal that first hung from the ceiling of her kitchen in the mid-1960s, and the group of delicate but powerful objects Merz made from nontraditional materials such as copper wire and knitting needles. In the mid-1970s, the artist began sculpting a series of small heads. Roughly modeled in unfired clay, sometimes coated with luminous pigments or gilding, and encased in wax, these Teste [Heads] have become emblematic of the artist and her more recent work. They also anticipate the return to figuration that was central to Italian art of the 1980s. Though seemingly a departure from the abstract nature of her early work, her Teste and the related, jewel-like portraits on paper demonstrate Merz’s lasting engagement with the possibilities of line as well as the indexical trace of the artist.

Marisa Merz: The Sky Is a Great Space is curated by Connie Butler, Chief Curator, Hammer Museum, and Ian Alteveer, Associate Curator, Department of Modern and Contemporary Art, The Metropolitan Museum of Art.

The exhibition will be accompanied by a catalogue published by the Hammer Museum, Los Angeles. The exhibition and publication were developed in close collaboration with Fondazione Merz, Turin.

Related programs include exhibition tours, family tours, a Drop-in Drawing course, and a MetSpeaks panel discussion.


#MarisaMerz
#MetBreuer

20/01/17

Capitali europee della Cultura


Domani si inaugurano gli eventi delle due Capitali europee della Cultura del 2017, quest'anno sono la cittadina danese di Aarhus e quella cipriota di Pafos.

Il 21 Gennaio avviene l'inaugurazione ad Aarhus. Come tema centrale degli eventi è stata pensata la parola “Ripensare”. In questa epoca di grandi cambiamenti bisogna "Ripensare" tutto a cominciare dalla cultura per proseguire poi a tutte le attività umane. 

Il 28 Gennaio prenderà avvio la sezione di Pafos, qui il tema sarà  “Linking Continents, Bridging Cultures” (collegare i continenti, avvicinare le culture), per un'isola dalla grande storia e dalla lunga tradizione di attraversamento delle culture. 


Le future Capitali europee della cultura saranno: nel 2018 La Valletta (Malta) e Leeuwarden (Paesi Bassi), nel 2019 Plovdiv (Bulgaria) e Matera (Italia) e nel 2020 toccherà a Fiume (Croazia) e Galway (Irlanda). 

19/01/17

Arte Fiera 2017





Fra una settimana prenderà avvio una  nuova edizione della più storica fiera d'arte italiana. 

Sotto la direzione di Angela Vettese, Arte Fiera arriva alla sua 41esima edizione in una versione rinnovata.  Dal 27 al 30 gennaio 2017, la più longeva kermesse di arte moderna e contemporanea d’Italia porterà nei padiglioni di BolognaFiere numerose novità.

Sono stato un assiduo visitatore di Arte Fiera – dichiara Franco Boni, Presidente di BolognaFiere e quest’anno, alla mia prima Arte Fiera da Presidente di BolognaFiere, ho potuto toccare con mano la grande energia che questa manifestazione mette in circolomobilitando attorno alla Fiera tutta la città e le sue Istituzioni. Sono anche particolarmente felice che la mia prima Arte Fiera coincida con l’insediamento del nuovo Direttore Artistico, Angela Vettese, che ha delineato i confini di un’Arte Fiera fortemente rinnovata. Colgo l’occasione per ringraziare il lavoro dei precedenti Direttori artistici perché il loro contributo è stato essenziale per accreditare la manifestazione nel circuito internazionale delle Fiere dedicate all’arte moderna e contemporanea”.

NUOVA VESTE GRAFICA
La prima novità di Arte Fiera 2017 è la nuova veste grafica, completamente rinnovata; da un lato la natura nelle sue molteplici forme, dall'altro la capacità umana di circoscriverla e ripensarla, accettandone con flessibilità mentale anche i lati più perturbanti. Il progetto grafico è di Andrea Lancellotti dello Studio Lancellotti, Milano.

LE SEZIONI
Layout rinnovato per Arte Fiera 2017 che si sviluppa in due grandi padiglioni del Quartiere fieristico di Bologna in cui si articola la proposta delle 153 Gallerie espositrici.
Sono previste una MAIN SECTION e una serie di SOLO SHOW, scelte entrambe dal direttore artistico e da un Comitato di selezione composito. I galleristi coinvolti nel Comitato, equamente distribuiti per i loro interessi nel moderno e nel contemporaneo nonché per la loro provenienza territoriale, sono stati: Laura Trisorio, Studio Trisorio, Napoli; Marco Niccoli, Galleria Niccoli, Parma; Massimo Di Carlo, Galleria dello Scudo, Verona, Alessandra Bonomo, Galleria Alessandra Bonomo, Roma. A ulteriore garanzia della qualità delle proposte, sono state coinvolte figure estranee al mercato dell'arte: il curatore Roberto Pinto (Docente di Storia dell’Arte Contemporanea, Università di Bologna) e la storica dell'arte Maria Grazia Messina (Docente di Storia dell’Arte Contemporanea, Università di Firenze e Presidente del Comitato Tecnico Consultivo Arte e Architettura contemporanee Periferie Urbane, Ministero dei Beni Culturali e del Turismo). 
Arte Fiera mercato sarà completata da altre piccole sezioni.

Una di nuove proposte a cura di Simone Frangi, intitolata NUEVA VISTA e dedicata ad artisti meritevoli di una rilettura critica e non necessariamente giovani. Pensata come un’edizione pilota - a carattere profondamente esplorativo - questa sezione mette le basi per lo sviluppo di un progetto curatoriale in contesto fieristico; un progetto che rifletta sull’intricata e controversa relazione tra ricerca artistica e mercato, producendo allo stesso tempo uno sguardo critico preciso, capace di percorrere trasversalmente provenienze generazionali e geografiche degli artisti e delle gallerie coinvolte. 

L'altra dal titolo Special Projects, a cura di Chiara Vecchiarelli, che porterà la performance in fiera, al MAMbo e nei musei scientifici della città con una serie di artist lectures – opere in forma di conferenza, lezione e visita guidata – articolata in Time Specific Artist Lectures, che declineranno il rapporto tra il contemporaneo e la storia dell'arte proponendo un dialogo temporale tra opere e una serie di Site Specific Artist Lectures, in cui il dialogo si terrà invece tra le opere e le collezioni dei musei scientifici della città.

Sarà presentata una occasione di FOTOGRAFIA, curata da Angela Vettese, che dichiara:
“L'analisi attenta e severa degli esperti ha portato alla scelta di una edizione della fiera più compatta, con un numero minore di partecipanti rispetto al passato nonostante l'aumento delle domande di ammissione. Arte Fiera intende proporsi come un luogo di esposizione e vendita di arte moderna e contemporanea, che si è deciso esplicitamente di presentare mescolate tra loro, e al contempo come sede di proposta e di riflessione su temi e linguaggi di stringente attualità”.
Arte Fiera 2017 intraprende un esperimento che mette in luce il mondo indipendente della fotografia e dell’arte, nel tentativo di non tracciare un confine tra le discipline ma di trovare tra queste uno spazio di condivisione.


Essa sarà Agenda Independents una mostra che presenta le opere di Franco Ariaudo, Alessandro Calabrese, Stefano Canto, Feng Chen, Kenta Kobayashi, Giuseppe De Mattia, Pedro Hernandez, Joanna Piotrowska, e Alberto Sinigaglia.
Con il tentativo di mappare una serie di esperienze riconosciute come fondamentali all’interno del panorama artistico contemporaneo, la mostra nasce dall’incontro tra alcune gallerie italiane ed internazionali, accomunate da una stessa particolare sensibilità ed attenzione nei confronti della fotografia e dei suoi recenti sviluppi. Selezionate sulla base della qualità della loro ricerca, Capsule, Colli Independent, G/P Gallery, Madragoa, Materia, Metronom, Pedro Alfacinha e Viasaterna, sono state invitate a prendere parte a un’esposizione che da un lato si pone come una vera e propria ricognizione per indagare le sempre più frequenti contaminazioni tra la fotografia e gli altri linguaggi dell’arte, e dall’altro mira a rendere prova della positiva frammentazione di uno scenario decisamente unico.

C'è anche un nuovo Bookshop “Printville” curato da A+Mbookstore; uno spazio innovativo che propone libri rari, da consultare, e remainder provenienti dalla libreria König di Colonia accanto a una scelta più consueta di libri e cataloghi d'arte.

Mostra GENDA – THE BODY AS PACKAGING, Genda è un progetto editoriale indipendente e curatoriale, è una rivista con una doppia redazione in Italia e in Cina ed è edito da A+Mbookstore. Raccoglie contributi di artisti cinesi e occidentali nella ricerca di produrre e verificare l’esistenza di un reciproco dialogo. www.gendamagazine.com


Attigua al Bookshop l’area TALK ospiterà un ricco programma di incontri, alcuni fra i quali dedicati alle più interessanti proposte editoriali del Bookshop. 


I PREMI
Il Gruppo Euromobil, main sponsor di Arte Fiera Bologna, promuove la 11esima edizione del Premio Euromobil under 30 riservato agli artisti presentati dalle gallerie della Fiera.  Il Premio della Giuria di Esperti sarà assegnato sabato 28 gennaio alle ore 16.00. Un secondo riconoscimento verrà attribuito, direttamente dal pubblico (Premio Speciale del Pubblico), all’opera (e quindi all’artista) che avrà ottenuto il maggior numero di voti dai visitatori di Arte Fiera sommati ai voti che chiunque potrà esprimere, visionando le immagini delle opere in concorso pubblicate sul sito www.gruppoeuromobil.com.   
Alla terza edizione, torna il Premio della Fondazione Videoinsight® che sarà assegnato da Rebecca Russo - Presidente della Fondazione Videoinsight, collezionista mecenate e ideatrice del Metodo Videoinsight® – e andrà all’opera esposta che più promuove negli spettatori la “cura di sè” e la vita come ricerca, secondo il pensiero di Michel Foucault. Videoinsight® significa presa di coscienza profonda ed evolutiva che coinvolge mente e affettività, ottenuta attraverso la visione di selezionate opere d'arte contemporanea.
All’installazione più creativa presentata ad Arte Fiera è dedicata la sesta edizione del Premio Rotary Valle del Samoggia. Il Premio, istituito per promuovere la cultura dell’arte contemporanea fra le giovani generazioni e per divulgare i principi del Rotary, si avvale di una stretta collaborazione con il Distretto Rotary International 2072 Emilia-Romagna e San Marino, con il Rotaract Bologna e con la Libera Accademia di Studi Caravaggeschi “Francesco Maria Cardinal del Monte”. Il premio consta di un riconoscimento e di una somma in denaro che verranno consegnati alla galleria vincitrice.

ART CITY Bologna
Accanto all’offerta espositiva di Arte Fiera 2017, da venerdì 27 a domenica 29 gennaio la città tornerà protagonista per la quinta edizione di ART CITY Bologna, il programma di mostre, eventi e iniziative culturali nato dalla collaborazione tra Comune di Bologna e BolognaFiere per offrire nuove opportunità di scoperta e conoscenza del patrimonio artistico diffuso attraverso la contaminazione con il contemporaneo.