Translate

26/07/13

Walter De Maria (1935 - 2013)


Oggi ne ha dato notizia il LATimes della scomparsa di Walter De Maria, una delle figure più note dell'arte americana, fra i più importanti artisti dei gruppi del Minimalismo e della Land Art. 

Dal LATimes "Walter De Maria, the artist and sometime musician whose monumental sculptures and installations combined the simplicity of minimalism with a love of scale, died Thursday at age  77. The cause of death was a stroke, according to his New York studio... " 

Hugo Boss Asia Art


Il premio Hugo Boss sviluppa una nuova collaborazione col Rockbund Art Museum di Shanghai per creare il Hugo Boss Asia Art, che si rivolge agli artisti asiatici. La prima selezione ha scelto Birdhead (Shanghai), Hsu Chiawei (Taipei), Hu Xiangqian (Pechino), Kwan Sheungchi (Hong Kong),Kit Lee (Hong Kong), Li Liao (Shenzhen) e Li Wei (Pechino) tra questi verrà selezionato, il prossimo 31 Ottobre, il vincitore di un premio di trentaseimila euro.


Che strano da una parte si fa tanta enfasi sulla globalizzazione e poi di tanto in tanto si fanno queste cose regionalistiche… va beh…


English

Award: HUGO BOSS ASIA ART
Where: Rockbund Art Museum, Shanghai, China
When: 20 June, 2013

The HUGO BOSS ASIA ART, a new biennale award initiated by HUGO BOSS and Rockbund Art Museum, takes special focus on contemporary art in Asia to think, invent and represent the social, economical and cultural changes of Asia in a post-global era.

The inaugural edition of this prestigious award recognizes the works of Chinese emerging contemporary artists and will feature finalists in a group exhibition from which a winner will be selected. Meanwhile, HUGO BOSS ASIA ART activates an on-going research platform re-mapping the contemporary art in Asia with symposia, dialogues, lectures and publications and invents an evolving platform for emerging contemporary artists.

(Focus on contemporary Asian art)
HUGO BOSS ASIA ART creates a new art award in Asia, following the HUGO BOSS PRIZE co-founded in 1996 by HUGO BOSS and the Guggenheim Foundation. This groundbreaking biennale award is conceived and curated by the Rockbund Art Museum that carries a stipend of ¥300,000.

HUGO BOSS ASIA ART intends to combine an art award with curatorial practice and a continuous theoretical research platform for inventive and collaborative projects. “We consider Asia as a construction and as a question to investigate rather than a monolithic area and fixed identities, and decisive social, economical and cultural mutations in Asia generate and request constant re-mapping of the contemporary arts. Furthermore, economical and cultural growths in Asia are based on different models and diverse contexts which deserve to be specifically analyzed. Under globalization, the interrelations between the commonplace and the singular should cultivate diversity and contradiction as the basis of our representations of reality.” Mr. Larys Frogier, Chair of the jury of HUGO BOSS ASIA ART and the Director of Rockbund Art Museum, stated.

“We are very happy to partner with the Rockbund Art Museum in Shanghai, which is well connected to the local art scene, has China-wide visibility and international recognition and is renowned for the highest level of professionalism and credibility. This can only provide a foundation for a lasting and fruitful cooperation. The Award for Emerging Chinese Artists has been initiated to answer the dynamics of the Asian and Chinese art scene and will reward artists whose outstanding body of work and artistic achievements distinguish them from their peers, making a significant contribution to the art scene. ” Dr. Hjordis Kettenbach, the Head of Cultural Affairs of HUGO BOSS, praises for this lasting and fruitful collaboration for supporting contemporary arts in Asia.

(Focus on emerging contemporary artists)
HUGO BOSS ASIA ART aims to support emerging contemporary artists. Emerging artists are those who are in the early stage of their artistic creation and exhibition practices, question, extend and enrich the possibilities of contemporary art. They do not only deconstruct established codes of art, but fully take the risk of offering unexpected forms, experiences and meanings into the process of making and seeing the picture. Emerging artists in Asia could be closely connected to the specificities of their artistic, social and cultural contexts, but it is the way they express these specificities into a strong, fresh, powerful, critical and emotional visual experience that will make these emerging artists relevant for the HUGO BOSS ASIA ART.

HUGO BOSS ASIA ART is launched in the context of China and inaugurated from the Rockbund Art Museum, Shanghai. We would like to devote the inaugural 2013 HUGO BOSS ASIA ART to emerging Chinese artists originated from mainland China, Taiwan, Hong Kong and Macau. Rockbund Art Museum will constitute, for each edition, an independent jury composed of independent curators, museum directors, art critics and artists who have been fully involved in and contributed to the evolution of contemporary arts in Asia and internationally. Finalists who are selected from nominations will present their representative works at the Rockbund Art Museum with the winner being announced during the exhibition.

The finalists of the HUGO BOSS ASIA ART are:
- Birdhead, Shanghai
- Hsu Chiawei, Taichung
- Hu Xiangqian, Beijing
- Kwan Sheungchi, Hong Kong
- Lee Kit, Hong Kong
- Li Liao, Shenzhen
- Li Wei, Beijing

To further explore the intellectual and social potential of this award and exhibition, a full educational and research program has been conceived to reflect upon the current challenges of contemporary art in Asia. It will be organized during the exhibitions and will also extend in-between two editions to activate future topics and contexts. Running from July through to the end of the 2013, the series of programs will include dialogues with curators and artists, talks with critics and researchers, and symposium with other experts including the jury members and award finalists. The future editions of HUGO BOSS ASIA ART will orient on other areas and other contexts, each edition adding one to another in order to constantly move the lines according to the transformations and topics in Asia.

As Mr. Larys Frogier articulated, “HUGO BOSS ASIA ART chooses to promote art as a fundamental critical space for debating the future of contemporary art in both local and international scopes. We argue that art is above all a practice for disensusrather than consensus, on the basis of which cultural exchanges and learning process can be forged: creating space for discussion, stimulating thought, and imagining symbols, allegories and all the other intrinsic metaphors of cultural creativity and social dynamism.”

(Timeline)
April - May 2013: Nomination of Long List
Each jury member nominates 3 artists.

Thursday, 20 June 2013: Announcement of the Award and Finalists
The partnership between HUGO BOSS and Rockbund Art Museum will be announced, as well as the jury and the finalist.

Thursday, 12 September2013: Exhibition Opening
The finalists present their works in an exhibition to be held at the Rockbund Art Museum.

Thursday, 31 October 2013: Announcement of the Winner

Support : Rockbund

The London art book fair


La nuova edizione della London Art Book Fair si svolgerà alla Whitechapel Gallery dal 13 al 15 Settembre 2013, come sempre corredata di diversi eventi che vanno dalle mostre a interessanti conferenze, incontri e dibattiti.  Info al sito  londonartbookfair.org 

The London Art Book Fair is an annual event which celebrates the best of international contemporary art publishing. Hosted by the Whitechapel Gallery in association with Marcus Campbell Art Books, it showcases a diverse range of work ranging from individual artist publishers to galleries, magazines, colleges, arts publishing houses, rare book dealers and distributors.
The fifth London Art Book Fair at the Whitechapel Gallery will take place on 13–15 September 2013.

E' arrivato il galletto blu a Londra




Si è inaugurato ieri la nuova scultura sul quarto plinto di Trafalgar Square, un bel galletto blu ideato da Katharina Fritsch 

24/07/13

L’autunno caldo londinese

  
Sempre più Londra attrae l’arte internazionale, e con il riavviarsi della stagione ecco nuove importanti aperture, ma non solo. La più attesa sarà l’arrivo della gallerista americana Marian Goodman in Mayfair a cui si affiancherà i primi d’Ottobre la terza galleria del gruppo Gagosian, progettata dallo studio d’architettura Caruso St John, al 20 Grosvenor Hill. L’area è quella che vede già presenti altre importanti galleria quali Pace, David Zwirner, Michael Werner e a breve anche la casa d’aste Phillips.

Si avviano poi nuove iniziative come la fresca proposta dell’ Art Licks Weekend 2013; una nuova rassegna artistica che si svolgerà la prima settimana d’ottobre coordinata dalle giovani gallerie inglesi, oltre 70 sparse fra  Bermondsey, Bethnal Green, Deptford, Hackney, Hackney Wick e Peckham. Un festival di energie giovanili che si struttura in modo molto dinamico e innovativo.

L’arte contemporanea fa sempre più rima con Londra.




Station to station - Estate, tempo di viaggi, anche per l’arte…


La Levi’s,per festeggiare i suoi 140 anni di attività sta per ralizzare un progetto in ambito artistico dal titolo “Station to Station” coordianto con Doug Aitken. Si tratta di un treno “artistico” che viaggerà da New York a San Francisco. Ogni tappa sarà un evento corale fra arte, musica e declinazioni varie, spesso in importanti musei, come il MoMA PS1, Carnegie Museum of Art, il Museum of Contemporary Art di Chicago, Walker Art Center, SITE Santa Fe, Los Angeles County Museum of Art (LACMA), e il Museo di San Francisco of Modern Art (SFMOMA).

All’iniziativa partecipano anche altri artisti quali : Kenneth Anger, Olaf Breuning, Peter Coffin, Urs Fischer, Meschac Gaba, Liz Glynn, Carsten Höller, Christian Jankowski, Aaron Koblin, Ernesto Neto, Jack Pierson, Stephen Shore, Rirkrit Tiravanija, Lawrence Weiner. Ci sono anche musicisti del calibro di Ariel Pink, Charlotte Gainsbourg, Connan Mockasin, Dan Deacon, David Longstreth dei Dirty Projectors, Eleanor Friedberger, Nite Jewel, No Age, Savages, e Twin Shadow. Scrittori Dave Hickey, Barney Hoskyns, e Rick Moody; e chef Alice Waters e Leif Hedendal, e il progetto Edible Schoolyard.

L’evento servirà anche per raccogliere fondi per nuovi progetti artistici, in uno spirito di condivisione e innovazione.

Ecco le tappe del viaggio che inizia il 6 Settembre a New York, New York,

08 Settembre Pittsburgh, Pennsylvania
12 Settembre Minneapolis / St. Paul, Minnesota
14 Settembre Chicago, Illinois
16 Settembre Kansas City, Missouri
20 Settembre Lamy / Santa Fe, Nuovo Messico
22 Settembre Winslow, Arizona
24 Settembre Barstow, California,
26 Settembre Los Angeles, California
28 Settembre Oakland / San Francisco, California

In questo modo la nota marca di jenseria Levi’s festeggia il suo lungo percorso di attività, con uno spirito pionieristico e contemporaneo.

Alcune foto dal lungo viaggio






How to work together


“Come lavorare insieme” è un nuovo programma condiviso di arte contemporanea, che unisce tre realtà non-profit londinesi: Chisenhale Gallery, The Showroom e lo Studio Voltaire. Insieme, per tre anni, produrranno una serie di commissioni artistiche, mostre, eventi e un think tank on-line.

I primi progetti sono già stati avviati tra cui una mostra che vedrà la luce nella primavera del 2014.

Si tratta sicuramente di un bell’esempio di come unendo le forze si possa fare di più e meglio.


Info al sito howtoworktogether.org 

Lascia?


Tre anni fa sembrava una grande rivoluzione, un gallerista privato che dirige un museo "pubblico" americano, ma pare che la cosa non abbia avuto problemi di fruizione interna e ora Jeffrey Deitch lascia, così ha dichiarato a Patricia Cohen del New York Times. 

Anche se i risultati di pareggio e di riavvio di questa mastodontica struttura paiono positivi, mentre i rapporti col direttivo interno un poco più complessi. 


23/07/13

L’informazione che gocciola


Mi affascina sempre molto vedere come anche nella circolazione dell’informazione ci sia ancora bisogno di tanta finzione. Cioè, spesso, succedono avvenimenti culturali che vengono diffusi dopo che sono stati realizzati, in tal modo si evita che il pubblico venga, anche se poi si vuole che lo stesso escluso lo sappia di essere stato marginalizzato.

Questo dovrebbe dare l’illusione che avvegano delle “cose” esclusive e uniche, finte vetrine di una massificazione che comunque vive della banalità dell’originalità, unico per tutti non è possibile.

O si è  esclulsivi e si vive nella proprio “bolla” o si è massificati, il resto è stupidità.


Workshop con Magnum Photos


L’ agenzia Magnum Photos, organizza con i fotografi professionisti Mark Power e Jérôme Sessini un workshop il prossimo 21 e 22 Settembre, presso il Forte di Bard, dove attualmente è in corso la mostra di fotografia Magnum Contact Sheets, fino al 10 novembre, una grande collettiva dei più noti scatti del gruppo, da Henri Cartier-Bresson, fino ai nomi più contemporanei.



Fondazione Ricard, autunno 2013


Col titolo “La vie matérielle”,dal 6 Settembre al 2 Novembre, la fondazione Ricard festeggia i quindici anni del Premio della fondazione. La mostra è realizzata con le opere degli artisti : Stéphane Barbier-Bouvet, Jonathan Binet, Alex Cecchetti, Caroline Mesquita, Chloé Quenum, Lili Reynaud Dewar, Alexandre Singh, Benjamin Valenza, curata da Yann Chateigné.


foto: Ecovateur - Katinka Bock Photo: Marc Domage / Fondation d'entreprise Ricard

Prada, ritorno alle origini


Grande trasformazione nel cuore di Milano, presso la Galleria Vittorio Emanuele, dove il gruppo Prada aprirà a breve una nuova grande sede con spazi espositivi, dove fino a poco tempo fa c’era una grande catena di fast-food. Dove già quasi cento anni fa il nonno Mario aveva avviato l’attività. 

Intanto proseguono i lavori di rinnovamento del complesso di Largo Isarco che Rem Koolhaas ha progettato, un vasto complesso per accogliere la storia e il futuro della storica maison Prada.



Isole da non dimenticare, la Triennale di Setouchi

  


Mentre in Italia è in corso la grande rassegna della Biennale di Venezia in Giappone si sta svolgendo una nuova edizione della Triennale di Setouchi, un grande evento di arte contemporanea che si svolge su una dozzina di isole del Mare Interno di Seto (Setonaikai), il mare che separa Honshu e Shikoku, due delle principali isole del Giappone. La prima edizione ha avuto corso nel 2010 con quasi un milioni di visitatori. La rassegna si svolge in tre sessioni stagionali e propone opere nei diversi spazi pubblici delle isole, creando così  un percorso di scoperta e interessa ampio a queste aree che si stanno fortemente spopolando.

foto Inujima Art House Project F-Art House Biota Fauna Flora


La passione dei collezionisti francesi - Premio Duchamp al Musée des Beaux-Arts della città di Libourne




L’ Associazione per la Diffusione Internazionale dell'Arte Francese, che raggruppa oltre trecento collezionisti francesi, ha compiuto quasi vent’anni. Volendo dare un contributo allo sviluppo della cultura artistica contemporanea del proprio paese nel 2000 idearono il Premio Marcel Duchamp da assegnare a un artista presente nella realtà artistica francese contemporanea, premio che ora è diventato uno dei più affermati riferimenti del sistema dell’arte internazionale.

Nell'arco di tredici anni il Premio Duchamps si è distinto nel proporre più di sessanta artisti, fra i più innovativi delle nuove generazioni presenti sulla scena d’oltralpe. Grazie alla collaborazione con il Centre Pompidou la visibilità dell’evento è stata subito ampia. Incrementata poi, dal 2005, con la partnership alle Fiac, la più nota fiera d’arte contemporanea di Francia.

Fra i nomi già segnalati e vincitori del Premio si annoverano alcuni degli artisti più interessanti dell’odierno panorama artistico mondiale, quali Thomas Hirschhorn, Tatiana Trouvé, Laurent Grasso, Cyprien Gaillard.

Quest’anno i quattro finalisti scelti sono: Farah Atassi, Latifa Echakhch, Claire Fontaine e Raphaël Zarka. Attualmente la mostra degli artisti selezionati è in corso, per tutta l'estate, al Musée des Beaux-Arts della città di Libourne. Poi le opere degli artisti saranno mostrati alla fiera de le FIAC, a Parigi, nello spazio dedicato appositamente al Premio Marcel Duchamp. Qui Sabato 26 Ottobre 2013 verrà reso noto il nome del vincitore del Premio Marcel Duchamp 2013. Vincitore che riceverà una dotazione finanziaria di 35.000 euro e sarà invitato dal Centro Pompidou per una mostra personale.

Molto interessante il metodo di selezione dei finalisti, che avviene attraverso una proposta di nomi giunta da una giuria di esperti del mondo dell’arte contemporanea: curatori, critici, collezionisti francesi e internazionali, che invia al comitato dell’Adiaf selezionatore poi della rosa dei quattro finalisti.

Ecco l’elenco completo dei precedenti vincitori del premio: Thomas Hirschhorn (2000) - Dominique Gonzalez-Foerster (2002) - Mathieu Mercier (2003) - Carole Benzaken (2004) - Claude Closky (2005) - Philippe Mayaux (2006) - Tatiana Trouvé (2007) - Laurent Grasso (2008) - Saadane AFIF (2009) - Cyprien Gaillard (2010) - Mircea Cantor (2011) - Daniel Dewar et Grégory Gicquel (2012).

Per dare maggiore diffusione al Premio Marcel Duchamp, da due anni, si è attivata un’azione di collaborazione con i musei regionali per allestire una mostra di presentazione degli artisti. Nel 2011, la rassegna è stata ospitata al Lam (Lille Métropole Musée d'art contemporain), nel 2012 con la regione Touraine e ora col Musée des Beaux-Arts della città di Libourne, in Aquitaine.


Federico Del Vecchio - turning and boring



After the success of last years Ten Days in Summer we decided to do it all over again...

The idea is that we give four artists ten days in the gallery to do (almost) anything they want. They get exactly ten days, no more no less
This year we've got Italian born Federico Del Vecchio, Belfast born Jamie Clements, Icelander Hrafnhildur Halldórsdóttir, and Scottish duo Ruby Pester and Nadia Rossi. The programme is as follows:


Federico Del Vecchio - Sat 20th July to Mon 29th July
Hrafnhildur Halldórsdóttir - Weds 31st July to Friday 9th Aug
Jamie Clements - Sun 11th Aug to Tues 20th Aug
Ruby Pester and Nadia Rossi - Thurs 22nd Aug to Sat 31st Aug


The gallery won't always be open on these dates as the nature of everyone's projects are different but there will be events for each artist, so check our news page for more info as it comes 

20/07/13

Art subprime ...



"Arte contemporanea come i titoli subprime?" è il titolo di un’interessante articolo di Paolo Manazza su Il Mondo di questa settimana, che mette in guardi i tanti romantici investitori d’arte, ma non è il primo articolo che manifesta sempre più apertamente come questo “sistema dell’arte” sia in mano a un gruppo ristretto di operatori che sfalsano il reale valore del mercato stesso, vedremo nei prossimi mesi cosa succederà.

19/07/13

Soufflè d'arte, Picasso, Monet, Matisse, Gauguin, Lucian Freud, passati al forno


Forse sono state bruciate le opere rubate dal museo Kunsthal di Rotterdam nel 2012, si tratta dei lavori di Testa di Arlecchino” di Pablo Picasso, “Donna che legge” di Henri Matisse, “Waterloo Bridge” di Claude Monet e “Donna con gli occhi chiusi” di Lucien Freud e due Gauguin, per un valore superiore ai 200 milioni di euro, trafugati dal figlio della Sig.ra Olga Dogaru, che dichiara di averli distrutti col forno casalingo.

Via un bel soufflè artistico!

Ragnar Kjartansson, Moma, New York, sta per succedere qualcosa ...



Ragnar Kjartansson la scorsa settimana ha vissuto, con un gruppo di amici, nella colonia/e installazione del MoMA PS1 "Expo 1," e ora svilupperà un percorso di performance dal titolo “civiltà”.


Le informazioni sono vaghe per cui per i dettagli dovete scrivere a : momaps1_rsvp@moma.org

Uomini e High Line


Mentre sta per concludersi l'intervento dei Superflex, il programma d' arte della High Line, curato da Cecilia Alemani, prosegue il suo cammino prossimamente con un'opera del duo Gilbert e George che abbellirà il cartellone a West 18th Street e 10th Avenue, unendosi alle opere degli artisti di John Baldessari, Thomas Bayrle, Raymond Pettibon e molti altri in passato ha caratterizzato.


L'immagine proposta è una fotografia rielaborata del 1984 con i due artisti circondati da giovani uomini.


18/07/13

La mise en abîme


Presso l'antica chiesa di Noirmont la Fondazione dell'abbazia di Bellelay e l'associazione di Nef Noirmont hanno invitato l'artista Romain Crelier che ha realizzato un suggestivo intervento per la mostra Equus Nef.


Comunicato stampa 

Exposition de la Fondation de l’abbatiale de Bellelay du 22 juin au 16  septembre 2013 La Fondation de l’abbatiale de Bellelay a pour but de mettre en valeur le site historique  de l'abbatiale de Bellelay. Elle organise notamment une exposition d'art contemporain  par année en invitant un artiste à concevoir une installation qui entre en dialogue avec  l'architecture baroque du lieu. Cette année, c’est le travail de Romain Crelier qui  habitera le lieu durant trois mois. 

Dans son installation La mise en abîme ce dialogue est  établi par le jeu du reflet. 

Trois récipients circulaires sont assemblés en une forme unique qui s’étend le long de la nef.

Une seconde forme, légèrement plus petite, occupe le chœur. En entrant dans l’abbatiale, on  ne perçoit pas l’installation dans toute son ampleur ; au premier coup d’œil, le dialogue entre  l’architecture et l’espace est à peine visible. Il apparaît cependant peu à peu à deux niveaux. 

D’une part au niveau des dimensions, car le diamètre des différents récipients correspond à  celui des voûtes des chapelles adjacentes. Au niveau de leur contenu d’autre part, car l’espace se reflète dans ces récipients. L’espace de l’abbatiale, en tant que contenant de cette installation, devient ainsi lui-même contenu : une image dans l’image, une mise en abîme. Les récipients sont remplis d’huile de moteur usagée. Cette matière fascine par sa particularité physique de refléter l’espace. La noirceur de ce déchet évoque un abîme insondable et en  expansion. L’abbatiale semble sombrer, avalée par ce gouffre sans fond. La réflexion de  l’espace dans cette surface calme et lisse permet à l’artiste d’ouvrir le spectateur à un autre  niveau de perception. En se déplaçant le long de la ligne ondulée qui délimite la mare d’huile,  il découvre toute la dimension de l’installation. Celle-ci, cependant, pourrait le mener dans  une voie sans issue. Le passage direct au chœur depuis la nef est en effet limité, car  l’installation atteint les escaliers ou encore les piliers, ce qui empêche le visiteur de déambuler  entre les chapelles. Il est contraint de se réorienter dans l’espace et de trouver un autre   chemin.


Les formes simples de l’installation et le reflet de l’espace dans l’huile attirent le spectateur  dans l’œuvre, et placent par conséquent leur relation au premier plan. Ainsi, dans cette  installation, l’interaction entre le spectateur et l’espace est créatrice de sens. Mais elle recèle aussi un certain potentiel de désarroi et peut provoquer un léger vertige. Ce qui étonne en effet  n’est pas seulement le reflet parfaitement net dans l’huile, mais aussi le volume de l’image  réfléchie et la force de l’architecture. Le voile gris qui dans le reflet s’étend des piliers à la  voûte en souligne le caractère monumental.

En hauteur, depuis les galeries, le visiteur découvre la force graphique de cette installation,  qui évoque très nettement les dessins au graphite de Romain Crelier. Depuis 1995, l’artiste  dessine des formes abstraites et simples sur un papier blanc qu’il a préalablement immergé  dans l’huile de moteur. Ces travaux témoignent de son intérêt persistant pour la richesse des  rapports de contrastes entre le noir et le blanc, et pour l’interaction de matériaux aussi banals  que surprenants que sont l’huile usagée et le graphite qui, en tant que lubrifiant solide, est l’un  des composants de l’huile usagée. Instinctivement, Romain Crelier confronte ces matériaux  dans ses dessins afin d’obtenir une densité de noir qui évoque le gouffre, à l’instar de  l’installation La Mise en abîme.

Le jeu est un autre fil rouge dans l’œuvre de Romain Crelier, qu’il s’agisse du jeu avec le  matériau, comme ici l’huile usagée, avec les formes ou encore avec la perception du  spectateur. Ses travaux sont par exemple souvent constitués d’éléments répétés. Le jeu avec la  répétition et la multiplication d’une seule et même forme est une figure de style utilisée dans  l’installation La Mise en abîme. Celle-ci est en effet composée de six modules circulaires,  dont quatre sont identiques et interchangeable. Leur caractère reproductible suggère la  possibilité d’une prolongation infinie de l’installation dans l’espace.


L'artiste

Romain Crelier, né en 1962 à Porrentruy, (JU), vit et travaille à Chevenez, est sculpteur,  dessinateur et graveur. Dans ses travaux il explore entre autre les particularités architecturales  des lieux d’exposition en s’intéressant particulièrement à la relation entre l’espace et le  spectateur. Il travaille avec des matériaux divers tel que le béton, le plomb ou encore l’huile  de vidange. Romain Crelier se forme à l’Ecole Supérieure des Beaux-Arts à Sion (1986-1987)  et ensuite à la Schule für Gestaltung, section sculpture, chez Johannes Burla et Jürg Stäuble à  Bâle.

Marina Porobic
Commissaire de l’exposition



17/07/13

Musei cinesi, vero o falso nel dubbio meglio chiudere.


In questi ultimi anni in Cina si sono aperti centinaia di musei, peccato che ora si scopre che per riempirli non tutto è così autentico, va beh non è forse il paese del rinnovamento...

E poi anche nei nostri musei certe opere non sono poi così certe, vedi il Leonardo dell'Ermitage, che ha sempre sollevato molti dubbi. 

Ma in Cina in certi casi si è esagerato, come ad Hebei dove quasi 40.000 pezzi sono completamente falsi, e ci sono nomi di un certo rilievo come Van Gogh o  Rembrandt, ora le autorità lo hanno chiuso, anche perché sotto pare che ci siano anche problemi fiscali...

Premio Marcel Duchamp 2013


In attesa di vederli a Parigi, durante i giorni de le Fiac, al Musée des Beaux-Arts di Libourne ela Chaopelle du Carmel è possibile vedere gli artisti selezionati per il premio Duchamp 2013, che sono Farah ATASSI, Latifa ECHAKHCH, Claire FONTAINE e Raphaël ZARKA.






Steve McQueen a Basilea


Per la stagione estiva il Schaulager di Basilea presenta la prima mostra completa del lavoro video dell'artista e regista britannico Steve McQueen. 

Più di venti installazioni video e di film, fotografie e altri lavori sono stati selezionati per un'ampia retrospettiva.

Due piani del Schaulager sono state architettonicamente trasformato in una città su misura per le proiezioni. 

Spazi interni ed esterni con interventi per poter percepire le diverse intensità della luce, giocata fra la realtà dei video e di giochi di specchi.




Crossway Foundation presenta la selezione degli artisti per Create & Inspire 2013

Son undici vincitori tra gli Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita e Qatar che sono stati selezionati per le loro risposte originali e fantasiosi per questa edizione del concorso a tema: Arte Pubblica: Re-immaginare la vostra Comunità. 

Come premio, i vincitori si recheranno a Londra e Yorkshire nel mese di agosto 2013 per sperimentare e conoscere la scena artistica pubblica del Regno Unito, con l'opportunità di lavorare con artisti professionisti, curatori e registi per sviluppare competenze nella comunicazione e creatività.


16/07/13

I diari di Dieter Roth al Camdem Arts Centre di Londra


Da domani al Camden Arts Centre prende avvio una mostra che offre uno straordinario spaccato della vita e del lavoro di Roth attraverso i suoi diari personali. Questi  intime quaderni sono lo spazio di prova e ricerca attraverso gli anni. 


Un'estate impegnata... Artissima si sta organizzando per la prossima edizione autunnale



Nonostante le calde giornate estive il comitato di Artissima è in pieno fermento e annuncia i membri delle giurie del Premio illy Present Future, del Premio New Entries e del nuovo Premio Ettore Fico che verranno assegnati durante la prossima edizione della fiera. 

Alcuni dei direttori e curatori di museo di maggiore prestigio nel panorama contemporaneo mondiale saranno a Torino per visitare Artissima, selezionare e premiare gli artisti e i progetti più stimolanti e meritevoli esposti in fiera. 


PREMIO ILLY PRESENT FUTURE 

Giunto alla sua tredicesima edizione, viene assegnato da illycaffè all’artista della sezione Present Future con il progetto giudicato più interessate. Dal 2012 il Premio consiste nella produzione di una mostra dell’artista vincitore nella prestigiosa sede del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea. La prima mostra dei tre artisti vincitori della passata edizione – Naufus Ramírez-Figueroa, Vanessa Safavi e Santo Tolone – inaugurerà in occasione di Artissima. 

Giuria Premio illy Present Future: 
Defne Ayas, Direttrice, Witte De With Center of Contemporary Art, Rotterdam 
Juan A. Gaitàn, Curatore, 8a Berlin Biennale for Contemporary Art 
Matthew Higgs, Direttore, White Columns, New York 
Joanna Mytkowska, Direttrice, Museum of Modern Art, Varsavia 



PREMIO GUIDO CARBONE NEW ENTRIES 

Istituito dalla fiera nel 2006 e riservato alle gallerie partecipanti alla sezione New Entries, il Premio di 5.000 euro viene assegnato alla galleria ritenuta più meritevole per il lavoro di ricerca e promozione di giovani artisti. 

Giuria Premio Guido Carbone New Entries: 
Emre Baykal, Direttore e Curatore, ARTER, Istanbul 
Suzanne Cotter, Direttrice, Museu Serralves, Porto 
Anselm Franke, Direttore Arti Visive, Haus der Kulturen der Welt, Berlino 
Jochen Volz, Direttore Programmi, Serpentine Gallery, Londra 
Laura Viale, Artista, membro permanente in rappresentanza della famiglia di Guido Carbone, Bruxelles 



PREMIO ETTORE FICO 

Istituito nel 2009 dalla Fondazione Ettore Fico per valorizzare e promuovere il lavoro dei giovani artisti e consistente nell’importo di 15.000 euro, verrà dal 2013 assegnato a un artista scelto tra quelli esposti ad Artissima. Il Premio è finalizzato all’acquisto di un’opera che entrerà a far parte del costituendo Museo Ettore Fico di Torino. 

Giuria Premio Ettore Fico: 
Andrea Lissoni, Curatore, Hangar Bicocca, Milano 
Letizia Ragaglia, Direttrice, Museion - Museo d’Arte Moderna e Contemporanea, Bolzano 
Andrea Viliani, Direttore, MADRE Museo d'Arte Donnaregina, Napoli 
Andrea Busto, Direttore, Fondazione Ettore Fico, Torino 
Renato Alpegiani, Collezionista, Torino

15/07/13

Picasso Baby, sound and art


Il rapper JAY-Z ha registrato presso la galleria PACE un video per il suo nuovo singolo “Picasso Baby”, diretto da Mark Romanek, per l’evento erano anche presenti alcuni degli artisti della nota galleria, tra cui Marina Abramovic e George Condo.

Katharina Fritsch e il suo galletto francese nel centro di Londra.


Da 25 Luglio sarà possibile ammirare l’incredibile Galletto Blu di Katharina Fritsch, sul noto Quarto Plinto di Trafalgar Square. Scultura che aveva suscitato molte polemiche e controversie quando fu selezionato.

BoldTendencies - Arte da parcheggio estivo


Da alcuni anni presso il Peckham Rye Station di Londra si svolge un’evento BoldTendencies espositivo, prevalentemente scultoreo, che utilizza questi spazi in modo creativo, con un largo consenso di pubblico. 


Fra i tanti progetti vi è anche un’intervento commemorativo sull'artista e film-maker, Derek Jarman, morto nel 1994, che realzzato, arroccato in un paesaggio selvaggio e dinamico della spiaggia di Dungeness, la sua amata casa Prospect Cottage, un meraviglioso giardino, che è stato accuratamente ricreato, con tutti gli ingredienti dell'originale.

Biennali o triennale ...


Domani inizia a Denver la Biennale degli Americani che diversamente da noi italiani, hanno un occhio di riguardo per i propri artisti, senza preoccuparsi troppo delle presenze straniere, fra i tanti nomi c'è anche James Franco, noto artista e appassionato d'arte, come già è accaduto all’altra Triennale “CaliforniaPacific” che si è aperta pochi giorni fa a San Clemente Drive, con una forte attenzione alla realtà nazionale. 

Marzia Migliora ha realizzato l'immagine guida per la 9 Giornata del Contemporaneo


È Marzia Migliora l’artista che AMACI, l’Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani, ha scelto per realizzare l’immagine guida della Nona edizione della Giornata del Contemporaneo, il grande evento annuale promosso dall’Associazione, dedicato all’arte del nostro tempo e al suo pubblico.

La manifestazione, che quest’anno si svolgerà sabato 5 ottobre coinvolgendo un migliaio di realtàdel contemporaneo in Italia, nelle prime otto edizioni ha registrato un crescente successo, che nel2012 si è consolidato confermando la partecipazione di oltre 800 aderenti e incrementando il numero dei visitatori a circa 230.000 su tutto il territorio nazionale. La Giornata del Contemporaneo si conferma quindi come uno degli appuntamenti più attesi dell’anno dal pubblico del contemporaneo, sempre più vasto e curioso, che ancora una volta nell’arco di sole ventiquattro ore coglie l’occasione di conoscere meglio musei, fondazioni e gallerie, visitare atelier d’artista, prendere parte a dibattiti, visite guidate e laboratori, entrando attivamente in contatto con l’arte del presente.

Aqua Micans è il titolo dell’immagine realizzata per la Nona Giornata del Contemporaneo da Marzia Migliora. Lo scatto fotografico, realizzato in situ, ritrae alcune portatrici d’acqua mentre attraversano il Grande Cretto di Alberto Burri a Gibellina. Con questa fila di donne, impegnate in un’azione quotidiana e vitale, Marzia Migliora ha scelto di riprendere e ripetere la rituale solennità di un gesto antico e uguale in tutto il Sud del mondo: trasportare un’anfora sul capo o sulle spalle, percorrendo un paesaggio duro e desolato. L’artista ha voluto come protagoniste della sua azione un gruppo di donne di Gibellinadiscendenti di coloro che abitavano le case distrutte dal tragico terremoto del 1968, le cui macerie sono oggi celate e custodite sotto il manto del Grande Cretto di Alberto Burri. La loro presenza va dunque oltre al compimento di una performance, per rinsaldare al contrario illegame profondo ed emotivo con il luogo.
Il titolo Aqua Micans è tratto dal romanzo Locus Solus di Raymond Roussel: è un titolo ispirato alle virtù di quel liquido che lo scrittore francese voleva capace di riportare in vita gli esseri umani. L’acquabene comune per eccellenza, diventa nell’immagine di Marzia Migliora elemento di vita, sopravvivenza e salvezza, mentre la figura della portatrice d’acqua si fa simbolo di un atto di cura.

La scelta dell’artista di ambientare l’immagine all’interno del Grande Cretto di Burri, una delle opere d’arte contemporanee più importanti del nostro patrimonio, nasce dal suo significato e dalla sua straordinaria forza espressiva. Il Grande Cretto, che si estende sulle rovine di Gibellina per dieci ettari, appare come un labirinto di fratture sul terreno, un ambiente che rinvia alla siccità come assenza di vita. L’immagine coniuga in sé la forza del monumento alla memoria e la vitalità della produzione artistica in grado di comunicare con intatta potenza anche a distanza di molti anni.
Per la Nona Giornata del Contemporaneo l’artista ha quindi fatto leva sull’equivalenza tra acqua e cultura, necessario nutrimento per l’uomo, e tra portatrici d’acqua e operatori culturali del contemporaneo, portatori a loro volta di un bene prezioso e insostituibile da cui dipende la crescita e il benessere della società. In un’epoca di crisi e di tagliAqua Micans introduce unariflessione sul ruolo del museo come istituzione preposta a conservare e tutelare l’esistente e allo stesso tempo a stimolare la produzione e il ripensamento del nuovo, creando un ponte ideale tra il presente e il nostro passato storico-artistico, attraverso cui costruire una proiezione futura positiva.
Prosegue dunque con successo il progetto di affidare a un artista italiano di fama internazionale l’ideazione dell’immagine guida della Giornata del Contemporaneo, che negli anni scorsi ha visto coinvolti Michelangelo Pistoletto nel 2006, Maurizio Cattelan nel 2007, Paola Pivi nel 2008, Luigi Ontani nel 2009, Stefano Arienti nel 2010, Giulio Paolini nel 2011 e Francesco Vezzoli nel 2012.
Anche quest’anno la Giornata si avvale del sostegno della PABAAC - Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l'architettura e l'arte contemporanee del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.
Telecom Italia continua ad affiancare AMACI in qualità di Partner Tecnologico, mettendo a disposizione il suo know-how con l’obiettivo di coinvolgere un pubblico sempre più interessato ai temi dell’arte contemporanea.
Inoltre Terna Spa si conferma Partner della manifestazione, come la Regione ToscanaPartner Amico della Nona Giornata del Contemporaneo.
Si ringrazia la Fondazione Goca – Gallery of Contemporary Art Palermo, per la produzione del progetto Aqua Micans.