Translate

17/09/13

Tutte le emozioni dell'arte, la ricca stagione autunnale delle Tate di Londra


In attesa della grande settimana dell’arte contemporanea londinese, che come sempre ha il suo fulcro con Frieze e Frieze Master a metà Ottobre, la Tate nelle sue due sedi della Britan e della Moder offre un assortito programma di eventi.

Legata alla storia britannica la Britan ha appena concluso un bel confronto fra le opere della mostra su Patrick Caulfield, artista dalla poetica vibrante e lineare che pare anticipatore il lavoro di Gary Hume, di cui si è svolta un’ampia retrospettiva, fra i più noti artisti contemporanei della YBA.

Ora sono in corso diverse mostra tra cui una stupenda esposizione dei lavori sulla realtà urbana secondo le opere di L.S.Lowry, fra gli artisti più amati in Gran Bretagna. Caratterizzato da uno sguardo che trae le sue origini dalla pittura urbana francese, quali Camille Pissarro, Georges Seurat e Maurice Utrillo, per trasformarlo in una sua personale interpretazione pittorica.

L. S. Lowry Piccadilly Circus, London 1960

Fra pochi giorni prenderà avvio un’interessante mostra dal titolo “ Art under Attack: Histories of British Iconoclasm” che pone un’attenzione sui momenti iconoclastici della cultura inglese, partendo dalle statue decapitate nei secoli bui, passando poi alle tante opere danneggiate, come la “Sibylla Delphica” di Edward Burne Jones manomessa dalle suffragette, fino alle opere di artisti contemporanei che agiscono proprio sull’idea stessa della trasformazione.

Jake & Dinos Chapman, One Day You WIll No Longer Be Loved II (No 6) 2008

La Tate Modern attualmente offre l’interessante progetto di Meschac Gaba, il “Museum of Contemporary African Art”, nato alcuni anni fa e che sta sviluppando, in diverse occasioni, il tema del senso di un museo, di cultura sociale. Questo progetto è parte dell’iniziativa Across the Board, che propone i nuovi artisti africani sulla scena londinese.

Il tema della cultura artistica del vasto continente prosegue con una grande retrospettiva dedicata a Ibrahim El-Salahi, con oltre cento lavori che ripercorrono una ricca attività pittorica di una delle figure più particolare della cultura sudanese.

Termina il 20 ottobre, la rassegna sulle opere astratte dell’artista  libanese Saloua Raouda Choucair, una rara figura femminile dal ricco panorama dell’arte libanese, figura storica

Si sta intanto allestendo la grande mostra antologica su Paul Klee evento clou della stagione autunnale londinese. Una grande esposizione dedicata a uno degli artisti più originali del novecento, caratterizzato da una ricerca e da uno stile unico.

Paul Klee è stato fra i più interessanti artisti del secolo scorso, uno dei più innovativi e creativi. Caratterizzato da un proprio spirito, in bilico fra sensibilità fanciullesca e sospensione magica. I suoi quadri sono difficilmente classificabili. Sulla scia di figure come Matisse, Picasso o Kandinsky, ha inventato un mondo fortemente personale, aprendo una via nuova alla pittura e all’uso del colore.

Paul Klee, Steps, 1929 Moderna Museet Stockholm, Sweden

La mostra che la Tate Modern proporrà sarà ricca di opere, disegni e acquerelli provenienti da collezioni da tutto il mondo, che saranno riunite ed esposte una accanto all'altra, come l'artista amava esporre le sue opere, in una percezione forte e continuativa. L’evento prenderà avvio dalle prime opere degli anni del primo novecento, quando si unì al gruppo di artisti d'avanguardia 'Blue Rider', sviluppandosi poi con un particolare focus sul periodo della prima guerra mondiale, quando sviluppò le sue singolari figure a patchwork astratte dai colori e dalle forme che diverranno caratteristiche dei suoi dipinti.

Una particolare attenzione sarà poi dedicata al decennio trascorso come insegnante al Bauhaus, il famoso centro di design modernista. Saranno così esposte le tele astratte, tra cui la famosa composizione ritmica “Fire in the Evening” del 1929. Non sarà trascurato anche il suo periodo di rifugio in Svizzera, con la sua famiglia, quando fu licenziato dai nazisti, fase di grandi difficoltà economiche contrapposte a una ricca produzione artistica.



Nessun commento: