Translate

13/06/13

Dal 12 al 16 Giugno ArtBasel - La regina delle fiere d’arte



ArtBasel, alla quarantaquattresima edizione, si aprirà, fra pochi giorni, nei rinnovati spazi del Convention Center ed Exhibition Space di Messe Basel riprogettato dagli architetti Herzog & de Meuron che ospiteranno 230 gallerie provenienti da tutto il mondo, con una proposta di lavori di oltre 4.000 artisti, molto forte la presenza dei galleristi americani, seguiti dai tedeschi, inglesi e ovviamente dagli svizzeri, dall’Italia ci sono le gallerie: Alfonso Artiaco; Galleria Continua, Massimo de Carlo; A arte studio Invernizzi, Kaufmann Repetto; Giò Marconi; Galleria Massimo Minini; Galleria Franco Noero; Galleria Raucci/Santamaria; Christian Stein; Galleria Tega, Tucci Russo e Zero. Come sempre una ricca messe di arte per ogni gusto e capacità di spesa. 

Duplicatasi nella versione di Miami e nella recente di Hong Kongo è diventata, l’edizione di Basile, uno degli appuntamenti più classici per conoscere gli umori dell’arte contemporanea. Da alcuni anni i primi due giorni di apertura sono dedicati ai grandi collezionisti e poi si avvia l’apertura al vasto pubblico. 

Come da tradizione è confermata la divisione nelle sette sezioni che comprendono: le Galleries, dove sono proposte le gallerie più note; Feature dove alcune gallerie presentano esposizioni individuali o tematiche; Statements con gli artisti emergenti, qui ci sarà la galleria Vistamare con Pedro Barateiro e Bethan, tra cui verrà assegnato il premio Baloise Art Prize; Unlimited la sezione delle sculture e dei quadri di grandi dimensioni; Magazines per le case editrici; Parcours interventi negli spazi urbani e Film materiale video o film degli /sugli artisti. 

L’iniziativa Parcours, curata dal direttore del FRAC Champagne-Ardenne Florence Derieux, quest’anno si svolgerà nel quartiere Klingental e sarà caratterizza da una variegata rassegna di eventi tra cui uno spettacolo di danza di Merce Cunningham. 

Sempre grande attesa per la sezione Unlimited, quest’anno curata da Gianni Jetzer, che proporrà i lavori di tanti artisti fra i più gettonati: Ai Weiwei, Claudio Parmiggiani, Martin Creed per un totale di quasi ottanta artisti. 

Ecco i progetti della sezione Statmensts con la galleria proponente e l’artista emergente, ci sarà la galleria Federico Vavassori con Greg Parma Smith 

Il programma delle conversazioni va da un’incontro fra Massimiliano Gioni e Thomas Schütte alla riflessione fra diversi direttori di musei sul tema dell’austerità nella gestione delle istituzioni museali. Nel programma Salon, breve presentazioni pomeridiane, passeranno tra gli i tanti, l’artista Tom Burr, la curatrice Jessica Morgan delle prossima Biennale di Gwangju, Fabrice Stroun, Direttore della Kunsthalle di Berna e tante altre figure del sistema dell’arte contemporanea con interessanti proposte informative. 

Come sempre durante la rassegna si svolgono altri importanti eventi, tra cui Liste, presso lo Burgweg15, una decina di minuti dalla fiera, che proporrà una sessantina di giovani galleria emergenti. Dall’Italia giungeranno Fonti, Francesca Minini e Monitor. 

C'è poi Scope nella nuova sede all'Uferstrasse 40
, che vede la partecipazione delle italiane ATRA Art Gallery da Milano, Gagliardi Art System da Torino, Officine dell'Immagine e The Flat di Massimo Carasi da Milano. 

La sesta edizione di The Solo Project dove purtroppo non ci sono italiani. 

Va meglio a Volta 9 dove ci sono Federico Bianchi Contemporary Art e Laura Bulian Gallery da Milano, Galleria Marie-Laure Fleisch da Roma e Eduardo Secci Contemporary, da Firenze.

Nessun commento: