Translate

07/10/12

Il teatro scolpito - Arnaldo Pomodoro a Palazzo Reale in Torino



E’ sempre stato un outsider, un’artista che ha saputo creare un mondo unico e riconoscibile, esportandolo in tutto il globo, ed ora fino al 25 Novembre si può godere di alcuni suoi lavori, declinati nella sua attenzione e cooperazione al mondo teatrale negli spazi espositivi del Palazzo Reale di Torino. 

Già nella corte d’ingresso si possono ammirare alcuni elementi di scena che anticipano il percorso espositivo, dedicato completamente al mondo scenografico del palcoscenico. Interventi che sono presentati con pezzi di scena ma soprattutto con una serie articolata di maquette che trasmettono le dinamiche creative di questo importante artista italiano. 

Scenografie, bozzetti, costumi, modelli scenici sono presentati in un percorso didattico che riesce a trasmettere parte dell’articolata e lunga attività creativa che anticipa l’attimo dello spettacolo che si consuma rapidamente. 

Ci sono i progetti che vanno dalla Caterina di Heilbronn di Kleist, sul Lago di Zurigo nel 1972 con la regia di Luca Ronconi, alla trilogia dell’Orestea di Emilio Isgrò da Eschilo, messa in scena sulle rovine di Gibellina tra il 1983 e il 1985 con la regia di Filippo Crivelli, fino al dittico Cavalleria rusticana di Mascagni e Šárka di Janáček al Teatro La Fenice di Venezia nel 2009 con la regia di Ermanno Olmi. 

Per Arnaldo Pomodoro, il teatro è il luogo della ricerca per eccellenza: “l’esperienza teatrale - ha avuto modo di dichiarare lo stesso scultore - mi ha aperto nuovi orizzonti e mi ha incoraggiato e persino ispirato a sperimentare nuovi approcci e nuove idee per le sculture di grandi dimensioni, perché il teatro mi dà un senso di libertà creativa: mi sembra di poter materializzare la visionarietà”. 

Contemporaneamente, è pubblicato un volume di oltre 600 pagine, curato da Antonio Calbi, coedito da Feltrinelli e Fondazione Arnaldo Pomodoro, con molti scritti e un grande numero di immagini che mostrano tutti i 44 progetti scenici realizzati dall’artista dal 1972 ad oggi. 

Nessun commento: