Translate

08/11/15

Artissima 2015


Da alcuni giorni ha preso avvio la nuova edizione di Artissima, la fiera più internazionale nel panorama artistico italiano.
Da anni questo evento si è caratterizzato per la sua innovazione e capacità di anticipare tendenze e mode. Siamo così giunti alla ventiduesima edizione, diretta per la quarta volta daSarah Cosulich Canarutto, che è riuscita a calamitare ben 207 gallerie da 31 paesi di tutto il mondo.
Sin dalla sua fondazione, nel 1994, Artissima ha saputo unire la presenza nel mercato internazionale a una grande attenzione per la sperimentazione, la ricerca e la matrice curatoriale delle scelte e delle proposte. Delle sei sezioni, di cui si compone la fiera, tre sono dirette da gruppo di curatori e direttori di musei di tutto il mondo.
Come scrive Le Monde, “la città, nei giorni di Artissima, si trasforma in un happening gigante”, attirando un pubblico di altissimo profilo con mostre ed eventi speciali nei suoi musei e fondazioni, e la rete di cultura enogastronomica per cui la città è famosa. Centrando in pieno gli obiettivi della Fondazione Torino Musei che da anni
Tanto per essere concreti vediamo i numeri di quest’anno:
207 gallerie da 31 paesi

67% di espositori stranieri
20.000 mq di esposizione
Più di 2.000 opere in mostra
Oltre 50 curatori e direttori di museo nelle giurie
Oltre 50.000€ di premi per artisti e gallerie
400.000€ di acquisizioni istituzionali (2014)
Oltre 50.000 visitatori (2014)



Questa nuova edizione si evidenzia subito per un'ottima attenzione al dettaglio che inizia  da “Opium Den” la trasformazione della Vip Lounge in un progetto curatoriale vero e proprio: uno spazio eclettico e sfarzoso concepito come saggio visivo sul collezionismo e sul confine fra oggetto d’arte e oggetto decorativo.
Da non perdere “Ypsilon St’Art Percorsi in Fiera”, un programma gratuito di visite tematiche in fiera pensate in parallelo ai Walkie Talkies e ai laboratori Zonarte per rafforzare ulteriormente l'impegno di Artissima per avvicinare il grande pubblico all'arte contemporanea.
Ci sarà anche “Art advisory – UniCredit Art Advisory” un servizio di consulenza indipendente e gratuito in fiera, il primo di questo tipo in Italia, pensato per accompagnare e far crescere in Italia una nuova generazione di collezionisti.
In Mostra, un progetto espositivo speciale all’interno di Artissima. Nata per offrire una vetrina alle collezioni di arte contemporanea e alle istituzioni artistiche del Piemonte, nel 2015 In Mostra è stata reinventata come mostra indipendente, su 700 metri quadri di spazio espositivo in fiera.


Eccovi il nostro reportage fotografico dalla fiera di Torino, noterete subito che quest'anno c'è un grande ritorno alla pittura mentre praticamente scompaiono i video, tiene la fotografia, le installazione e le opere multi-materiche. 
Anche se proprio con dei video è stata una delle opere che mi è piaciuta di più, quella di Ken Matsubara, presso la galleria MA2 Gallery che uso l'immagine in movimento in modo poetico.
Altri progetti che mi hanno colpito A.Konete da Marella, E.Ding da Abraham, E.Favini da G.Galeotti, I.Andriessen da Cinnamom, Z.Kempinas da Vartai, M.Laet da A Gentil Carioca,  Rebecca Moccia e Ruben Montini da Massimodeluca, il confronto da L.Gardini e J.Pleitner e J.Avotins da Ibid.

  





















































































































Nessun commento: