Translate

05/10/16

Quand fondra la neige, où ira le blan


La relazione con l’arte contemporanea è una cifra vincente di Palazzo Fortuny che si conferma nella mostra “Quand fondra la neige, où ira le blanc”  con le opere della Collezione Enea Righi, in corso fino al 6 Novembre.
Una selezioni di opere dalla nota collezione che dialogano con queste magiche stanze veneziane.

Ogni piano, allestito da Daniela Ferretti, di Palazzo Fortuny è stato concepito come uno spaccato del nostro tempo, un viaggio simbolico teso verso la ricerca della propria identità. Agli artisti attivi a partire dagli anni Sessanta  e Settanta  – come Alighiero Boetti, Daniel Buren, Robert Barry, Lawrence Weiner, Enzo Mari, Superstudio e Franz Erhard Walther – sono messi in relazione alcuni tra i più rigorosi interpreti della ricerca artistica contemporanea internazionale – tra i quali Walid Raad, Thomas Hirschhorn, Philippe Parreno, Ryan Gander, Zoe Leonard, Peter Friedl – costruendo una narrativa a più voci, capace di muoversi dalle tematiche dell’architettura e della performance, ai concetti di corpo e vuoto.


Ogni piano è costruito come una tappa, un passaggio; la definizione di una prospettiva inedita, colta nel tentativo di rintracciare un senso. Quello stesso senso che per un collezionista coincide spesso con la propria vita, alla ricerca – parafrasando Zaugg – d’una traccia del bianco, dopo che la neve si sarà sciolta.









Nessun commento: