Translate

22/01/19

Stonewall al New Museum






Da alcune settimane il New Museum coopera col Museo di Transgender Hirstory & Art (MOTHA), sul tema dell’evento di Stonewall del 1969. Una mostra con opere di diversi artisti su un tema particolarmente importante in questa fase storica.

Con questa mostra si ricorda il  50 ° anniversario di Stonewall, esplorando il luogo e la storia dell’evento in una chiave sociologica e antropologica.





CS

 "MOTHA e Chris E. Vargas: Consciousness Razing - The Stonewall Re-Memorialization Project" saranno la mostra e la residenza presentate attraverso il Department of Education e Public Engagement's Fall 2018 R & D Season: Generation.

Con umorismo ironico e critica incisiva, Chris E. Vargas (nato nel 1978) parodia i principali codici sociali e istituzionali per reimmaginare come sono rappresentate le esperienze queer e trans. Vargas è il fondatore del Museum of Transgender Hirstory & Art (MOTHA), un'istituzione semi-fittizia e transitoria che funge da piattaforma per l'esposizione della storia trans e della produzione culturale. Il suo progetto riprende l'eredità controversa della parola storia: Vargas nota che "per millenni, il patriarcato ha avuto versioni della storia; per alcuni anni negli anni '70, alcune femministe bianche ebbero un herstory; ma non è stato fino ad ora che le persone transgender hanno finalmente avuto una storia di genere neutrale tutta loro ".

Al New Museum, Vargas continua a lavorare sul suo progetto Transgender Hirstory in 99 Objects (2015-in corso), un'esplorazione visiva e materiale di manufatti significativi nella storia delle comunità transgender. I grandi musei spesso presentano cento oggetti dalle loro collezioni per costruire narrazioni storiche "definitive"; nella sua serie, i riff di Vargas su questa convenzione, propongono intenzionalmente novantanove o meno oggetti per enfatizzare il compito per sempre incompleto di rappresentare la storia. Un'esplorazione creativa e critica degli archivi LGBTQI, il progetto di Vargas prende la forma di mostre (di cui questa è la quinta), pubblicazioni e spettacoli itineranti in cui l'artista appare come direttore esecutivo di MOTHA.

Questa iterazione del progetto esplora Stonewall come sito geograficamente, demograficamente e storicamente contestato. Durante la mostra di quattro mesi di MOTHA, Vargas si interroga su ciò che pensiamo di sapere delle rivolte di Stonewall del 1969 a New York, spesso citate come un evento formativo per la liberazione dei gay e il moderno movimento per i diritti civili LGBTQI negli Stati Uniti. Nel 2016, per commemorare le rivolte, il presidente Obama ha designato la Stonewall Inn e l'adiacente Christopher Park un monumento nazionale. Eppure per anni, molti degli attivisti che hanno guidato la lotta contro la violenza e la brutalità della polizia contro le persone queer e trans - tra cui Sylvia Rivera, Marsha P. Johnson, Miss Major Griffin-Gracy e molti altri - non sono stati correttamente accreditati nei resoconti popolari di Muro di pietra. Oggi, le cronologie LGBTQI tradizionali riconoscono sempre più queste cifre, pur eliminando le loro richieste più radicali e le loro critiche al razzismo, all'emarginazione economica e alla transfobia.

Per ampliare il modo in cui questa complessa storia viene memorizzata e per riconoscere i modi in cui è stata manipolata, Vargas ha invitato un gruppo intergenerazionale di artisti a proporre nuovi monumenti per le rivolte. Queste commemorazioni - di Chris Bogia, Jibz Cameron, Nicki Green, Martine Gutierrez, Sharon Hayes, Thomas Lanigan-Schmidt, Catherine Lord, Devin N. Morris, D'hana Perry, Keijaun Thomas, Geo Wyeth e Sarah Zapata - riprendono Stonewall eredità attraverso forme radicalmente diverse e in termini divergenti. Nella galleria Fifth Floor, un modello in scala 1: 7 di Christopher Park diventa una piattaforma per l'arte pubblica sfrenatamente speculativa. Maquettes e progetti degli artisti contribuenti sono in mostra durante la corsa della mostra di Vargas, in sostituzione delle sculture di George Segal installate nel parco dai primi anni '90. I modelli attraversano il parco in vari modi, costruendo, ristrutturando e radendo al suolo un paesaggio iconico. La posta in gioco è il luogo dell'immaginazione all'interno della rivoluzione, sostenuta dall'insistenza di Vargas che invece di sostituire semplicemente un oggetto - o una storia, memoria o preoccupazione - per un altro, dobbiamo tenere lo spazio per molti.




La residenza di Vargas e il conseguente progetto collaborativo riflettono sul tema del R & S Season di Department of Education e Public Engagement per l'autunno 2018: GENERATION. Più ovviamente, il termine generazione si riferisce ai modi in cui la cultura e la storia vengono tramandate nel tempo attraverso l'affiliazione. Tuttavia la parola evoca anche modi di creare, creare e produrre. Con entrambi i significati in mente, Vargas guarda a Stonewall come un sito perpetuamente in evoluzione. Piuttosto che costruire una precisa traiettoria storica, il suo progetto sostiene che il tentativo di narrare una storia stabile rende il passato un disservizio. Invece, MOTHA ammette che l'atto di storicizzazione è intrinsecamente parziale e spesso egoistico, e trova nuovi modi per scoprire, riformulare e recuperare elementi del passato.

La mostra è curata da Johanna Burton, Keith Haring Director e Curator of Education e Public Engagement, e Sara O'Keeffe, Associate Curator, con Kate Wiener, Assistente curatoriale.


Foto "MOTHA e Chris E. Vargas: Consciousness Razing-The Stonewall Re-Memorialization Project," 2018. Esposizione: New Museum, New York. Foto: Maris Hutchinson / Studio EPW

Nessun commento: