Translate

09/02/17

Crossoover/s


Miroslaw Balka BlueGasEyes, 2004 Veduta dell’installazione,
 “Fragment“, Akademie der Künste, Berlino, 2011 Courtesy dell’artista e Gladstone Gallery, New York e Bruxelles Foto: Andreas Suess

Pirelli HangarBicocca presenta “CROSSOVER/S”, la prima retrospettiva italiana di Miroslaw Balka, artista tra i più rilevanti degli ultimi trent’anni che pone al centro del suo lavoro l’indagine sull’esistenza e la natura dell’uomo e sulla memoria individuale e collettiva. Attraverso una riflessione sulla storia dell'Europa e della Polonia, dove l'artista è nato, vive e lavora, Balka prende spunto da elementi ed eventi della propria biografia per realizzare opere che affrontano temi universali con grande potenza evocativa.
                                    
La mostra, a cura di Vicente Todolí, raccoglie quindici lavori iconici, tra sculture, installazioni e video, realizzati da Balka (Varsavia, 1958) dagli anni Novanta a oggi, oltre a una nuova produzione, Holding the Horizon(2016), video concepito appositamente per il progetto espositivo di Pirelli HangarBicocca.

L'inizio dell'attività di Miroslaw Balka risale alla metà degli anni Ottanta, periodo nel quale l'artista realizza sculture figurative legate alla propria storia personale e al contesto storico-politico della Polonia del secondo dopoguerra. Agli inizi degli anni Novanta Balka abbandona le forme antropomorfe per realizzare opere che rappresentano oggetti simbolici quali letti, pedane e fontane, che alludono alla presenza umana senza mai raffigurarla. Balka concepisce questi lavori anche attraverso l’uso di materiali comuni quali legno, sale, cenere, sapone, cemento e ferro, utilizzando spesso come unità di misura le dimensioni del proprio corpo, esplicitate nei titoli delle opere. Le proporzioni mettono in relazione diretta la figura umana con lo spazio, lo sguardo, l’esperienza e la memoria.

La mostra “CROSSOVER/S”, concepita per lo spazio delle Navate di Pirelli HangarBicocca, intende approfondire e portare all’attenzione del pubblico questo successivo periodo di ricerca e produzione dell’artista in un percorso immersivo, caratterizzato da incroci fisici, simbolici e temporali, dove anche la luce e l’oscurità assumono un ruolo centrale e in cui lo spettatore prende coscienza della propria presenza e funzione nello spazio. Balka afferma infatti che “è importante ricordare al visitatore che egli non è soltanto occhi, ma anche corpo che cammina nello spazio” (Miroslaw Balka, in Dylan Kerr, Sculptor Miroslaw Balka on the Romance of Conceptual Art, “Artspace”, 2015). 

Un simbolico orizzonte in cui l’occhio dell’osservatore si perde, apre e chiude allo stesso tempo il percorso espositivo.Balka ha deciso, infatti, di collocare sopra la porta d’ingresso e d’uscita dello spazio delle Navate uno schermo LED, su cui viene trasmesso il video Holding the Horizon (2016), l’immagine instabile di una striscia di carta gialla su sfondo nero. I visitatori, una volta attraversato lo spazio, osserveranno nuovamente l’opera, uscendo. In questo modo la mostra viene concepita come un percorso circolare, che mette in luce nuovi aspetti e significati delle opere esposte. 

Al centro del percorso espositivo è collocata Cruzamento (2007), una struttura a forma di croce, formata da una rete metallica e diversi ventilatori. Con questa installazione Balka riflette sui concetti di attraversamento e di passaggio, creando un crocevia nella zona centrale della Navate che rappresenti per i visitatori una soglia da attraversare per poter proseguire il loro percorso. L’aria che proviene dai ventilatori spinge verso il suolo e provoca uno sforzo nell’attraversamento, enfatizzando così ulteriormente i temi alla base dell’opera. Quest’idea ricorre anche in altri lavori esposti in “CROSSOVER/S”, come in 200 x 760 x 550 The Right Path (2008/2015), un corridoio buio in metallo, che i visitatori sono invitati a percorrere e che sembra condurre in un luogo fuori dallo spazio espositivo.
Nel Cubo, accessibile tramite un ingresso ristretto, è invece installata Yellow Nerve (2012/2015), un’opera quasi impercettibile, ma che mette in luce le dimensioni e la vastità dello spazio, giocando con la sua verticalità: un sottile filo giallo scende dal soffitto fino a toccare il pavimento ruotando lentamente su stesso. Posta a uno degli estremi della mostra, questa linea verticale sembra connettersi con quella orizzontale di Holding the Horizon che apre il percorso, creando un incrocio concettuale tra diversi piani.


Miroslaw Balka To be, 2014 Veduta dell’installazione, 
Muzeum Sztuki Nowoczesnej, Varsavia, 2014 Courtesy dell’artista Foto Bartosz Stawiarski


L’artista ha concepito la mostra in modo da coinvolgere il visitatore non solo visivamente e intellettualmente, ma anche attraverso le dimensioni del suo corpo e tutti gli altri sensi. Balka colloca così le diverse opere utilizzando tutte le superfici delle Navate – il suolo, le pareti e il soffitto – e induce a percepirle anche attraverso il tatto, l’olfatto e l’udito. Così la proiezione dei video sul pavimento, l’eco incessante dell’acqua tinta di nero che scorre sul metallo dell’installazione Wege zur Behandlung von Schmerzen (2011) – una grande fontana che si staglia nello spazio –, o l’odore intenso che emana Soap Corridor (1995) – un corridoio rivestito di sapone ideato per la prima volta in occasione della Biennale di Venezia del 1993 – portano a concentrarsi sui propri movimenti nello spazio e sulla propria presenza in esso.

Balka, analizzando la percezione dello spazio da parte dell’individuo e indagando la natura dell’esperienza umana attraverso continui confronti e incroci spaziali e sensoriali, realizza un percorso che permette di scoprire i significati simbolici raccolti nelle sue opere. Alcune di queste rimandano a una ricerca costante di una dimensione domestica e familiare, come in Common Ground (2013/2016), installazione composta da zerbini raccolti dalle abitazioni di una via di Cracovia, attraverso la quale l’artista riflette sull’idea di ingresso e soglia e sull’intimità della casa, e si legano a una dimensione collettiva – come 7 x 7 x 1010 (2000), una colonna di saponette che rievoca la memoria dei precedenti proprietari, abitanti sconosciuti della capitale polacca, che le hanno utilizzate.

In “CROSSOVER/S” a questi motivi individuali si intrecciano anche temi legati alla storia recente della Polonia e alla memoria collettiva di eventi drammatici del passato, ma ancora vividi nel presente, come quelli della Seconda guerra mondiale e dell’Olocausto: così l’installazione video BlueGasEyes (2004), una proiezione di due fornelli su superfici di sale sul pavimento, rimanda all’immagine del focolare domestico, ma simbolicamente suggerisce un collegamento con la distruzione e la morte nei campi di concentramento; mentre nell’installazione 250 x 700 x 455, ø 41 x 41/Zoo/T (2007/2008) la dimensione ludica dello zoo suggerita dal titolo si trasforma in reminiscenza drammatica di quello costruito nel campo di Treblinka per distrarre e divertire le guardie.

La contemporaneità non esiste, non possiamo cogliere lo scorrere ininterrotto del tempo. Nel momento stesso in cui ci muoviamo verso il futuro, siamo sempre già nel passato. Questa è la condizione della mia scultura […] Tutto ciò che tocchiamo viene dal passato, è il nostro avvicinamento alla morte. Per me è importante con la mia arte afferrare quella consapevolezza della vita. (In Frances Morris, “Dawn”, guida alla mostra, Tate Gallery 1995-1996)

Nella mostra in Pirelli HangarBicocca passato e presente si incrociano costantemente, creando un percorso temporale in cui memorie e mitologie personali si legano con quelle collettive di un popolo, mettendo in luce dinamiche storiche complesse, ancora oggi difficili da affrontare.

Biografia di Miroslaw Balka
Miroslaw Balka (Varsavia, 1958) vive e lavora a Varsavia in Polonia, dove insegna e dirige dal 2011 lo Studio of Spatial Activities presso il Dipartimento di Media dell’Accademia di Belle Arti. Diversi musei e istituzioni hanno dedicato mostre personali a Balka, tra cui: Museum Sztuki, Łódź (2015); Freud Museum, Londra (2014); National Centre for Contemporary Art, Mosca e WRO Art Center, Wroclaw, (2013); Akademie Der Kunste, Berlino e Centre for Contemporary Art, Varsavia (2011); Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, Madrid (2010); Modern Art Oxford, Oxford e University Gallery, University of Massachusetts, Amherst, Massachusetts (2009); National Galleries of Scotland, Edinburgo (2008); Irish Museum of Modern Art, Dublino e Museum of Modern Art, Rio de Janeiro (2007); Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen, Düsseldorf (2006); Kröller-Müller Museum, Otterlo, S.M.A.K., Ghent e Galeria Zachęta, Varsavia (2001); IVAM, Centre Del Carme, València (1997); Tate Gallery, Londra (1995); Van Abbemuseum, Eindhoven (1994); Museum Haus Esters-Kunstmuseen Krefeld, Krefeld e The Renaissance Society, University of Chicago, Chicago (1992); De Appel Arts Centre, Amsterdam (1991). Ha partecipato a cinque Biennali di Venezia (1990, 1993, 2003, 2005, 2013), rappresentando la Polonia nel 1993; due volte alla Biennale di Sidney (1992, 2006); alla Biennale di Liverpool (1999) e di San Paolo (1998), e a documenta IX, Kassel (1992). Nel 2009 ha presentato il progetto How It Is parte della commissione annuale Unilever Series presso la Tate Modern, Londra.


Miroslaw Balka Wege zur Behandlung von Schmerzen, 2011 
Veduta dell’installazione, Four Domes Pavilion,  roclaw, 2011 Courtesy dell’artista Foto Lukasz Kropiowski

Il Programma Espositivo di Pirelli HangarBicocca
“CROSSOVER/S” fa parte del programma di mostre concepito dal Direttore Artistico Vicente Todolí per Pirelli HangarBicocca. La mostra di Miroslaw Balka viene presentata nello spazio delle Navate dove la programmazione proseguirà con le mostre di Lucio Fontana (20 settembre 2017 – 25 febbraio 2018), Matt Mullican (marzo 2018 –  luglio 2018). Nello Shed invece sarà presentata le mostra personale di Rosa Barba (5 maggio 2017 – 8 ottobre 2017).

Pirelli HangarBicocca
Pirelli HangarBicocca è un’istituzione no profit dedicata alla promozione e alla produzione dell’arte contemporanea. Con una ricca e intensa programmazione, Pirelli HangarBicocca presenta mostre personali dei più importanti artisti internazionali che si distinguono per il loro carattere di ricerca e sperimentazione, oltre che un calendario di eventi culturali e approfondimenti, garantendo al pubblico l’accesso gratuito allo spazio.


Scheda info
Istituzione                                            Pirelli HangarBicocca
Artista                                                  Miroslaw Balka          
Titolo                                                   “CROSSOVER/S”
A cura di                                              Vicente Todolí
Conferenza stampa                            14 marzo 2017, ore 11.00
Opening                                              15 marzo 2017, ore 19.00
Date mostra                                        16 marzo 2017–30 luglio 2017
Dove                                                   Via Chiese 2, Milano
Orari di apertura                                 Giovedì–domenica, 10.00-22.00
Ingresso                                              Libero
Catalogo                                              Mousse Publishing
Laboratori                                            In settimana per le scuole
 Il weekend per le famiglie

Informazioni per il pubblico
+390266111573

Nessun commento: