Translate

13/05/14

Attraversare le forme dell'arte - Nuove proposte alla GAM di Torino

  
Non solo, ogni anno, la raccolta permanente della GAM di Torino viene riallestita, invitando celebri personalità a proporre interessanti tematiche e confronti estetici con la vasta raccolte di opere della collezione museale, creando così stimolanti giochi di conoscenza, ma il flusso di proposte espositive è in continua mutazione.

Diamo una breve panoramica sulle diverse mostre attualmente in corso in questa sessione primaverile.

Come sempre il museo si muovo nelle sue proposte su diversi piani, sia storici che sulle diverse tendenze espressive.


In questi giorni si va così dall’ astrazione di Ettore Spalletti, in un importante evento realizzato in collaborazione col Maxxi di Roma e il Madre di Napoli, alle opere più figurative di Omar Galliani. Giungendo a percorsi storici con i lavori di Carol Rama a Plinio Martelli, creando in tal modo una serie di proposte espositive molto allettanti e ricche di bellezza.

Andando in dettaglio sulle diverse proposte iniziamo dalla pura bellezza cromatica di Spalletti che, in un allestimento molto arioso, interseca lavori storici con opere più recenti, oltre al dialogo con il celebre quadro di Caravaggio “il ragazzo morso da un ramarro” proveniente dalla collezione Longhi. Stupendo l’ angolo in gioco fra l’ opera scultorea e la forma pittorica.


Scendendo all’ interrato del moderno edificio si trova l’ ampia mostra su Omar Galliani.
Le opere, di grande dimensione conquistano subito per la bellezza e la sensualità dei materiali. La sensualità del corpo affiancato da riflessioni o da rimandi materici affascina sempre, tanto più quando, come in questo caso, sono portati ad un grado di essenzialità molto ben equilibrato.


Sul lato opposto è in corso una mostra su Carol Rama, con la presentazione di una bella serie di inediti disegni della celebre artista torinese.

Nell’area vicina è proposto il lavoro di Luigi Mainolfi col video “Luigimio”.  Mentre sono sempre fruibili i tantissimi video archiviati alle diverse postazioni della Videoteca.

Al terzo piano, la piccola stanza dedicata alle proposte storiche, presenta alcuni pezzi di Plinio Martelli, una piacevole riflessione per ripensare a uno dei tanti artisti che spesso hanno anticipato pratiche oggi molto in voga, ma che sono stati trascurati dal grande pubblico.


Il giro si conclude nell’area dedicata alle ricerche contemporanee, al piano terra, che vede in questi giorni un’opera di Alessandro Quaranta, una istallazione multimediale, stimolante nella sua forma, riflessione fra realtà virtuale e comunicazione quotidiana. Dello stesso artista è proposto per la rassegna “Alle radici della democrazia” un  video nella Education Area realizzato sul recupero di un archivio fotografico partigiano.




Nessun commento: