Translate

26/04/14

Cambio Del Cambio - Fra antico e contemporaneo rinnovato lo storico ristorante di Torino.


Il famoso ristorante Del Cambio, posto nella storica piazza Carignano, nel cuore cultura di Torino, fra il Museo Egizio e il Polo Reale, segue l’onda di rinnovamento che sta coinvolgendo la città.

La nuova gestione dell’imprenditore Michele Denegri, consapevole dell’attenzione turistica internazionale, in forte crescita in questi ultimi anni, ha investito in un’azione di rivalutazione per uno dei locali più storici della città.

Il recupero è stato realizzato nel rispetto e nella rivalutazione degli antichi arredi, condotto sotto la supervisione delle Soprintendenze ai Beni Architettonici e ai Beni Artistici e Culturali.


Nel progetto sono stati coinvolti anche alcuni artisti internazionali che hanno apportato una nota contemporanea. Nell’area del cocktail bar, al piano superiore del ristorante, l’artista argentino Pablo Bronstein ha reinterpreta un disegno utopico di Guarino Guarini mentre l’artista venezuelano Arturo Herrera è intervenuto sulle antiche volte con un’opera astratta che si integra negli eleganti spazi del Bar Cavour. Michelangelo Pistoletto, artista di casa, ha progettato un ambiente "totale" composto da 8 lastre specchianti. L’opera, il cui titolo è "Evento", è la più grande di questo genere mai realizzata dall’artista. I personaggi ritratti nelle lastre sono “persone normali della vita” che osservano un evento non manifesto nell’opera, e che entrano idealmente in comunicazione col pubblico presente nella sala, pubblico che diventa la parte dinamica dell’opera stessa.

Il noto designer Martino Gamper e l’artista israeliano Izhar Patkin sono stati coinvolti direttamente sull’arredo e sul servizio di porcellana. Il primo ha disegnato una serie di nuovi tavoli e sedute per la sala settecentesca, al piano terra; il secondo ha rigenerato 150 piatti "scartati" dalla storica fabbrica di Sèvres, fornitrice del ristorante, perché leggermente difettosi, personalizzandoli a mano con un richiamo al nome del ristorante e alla sua storia.


Ovviamente oltre alla spazio anche la cucina è stata rinnovata, e ora, con lo chef Matteo Baronetto, punta al grande pubblico internazionale che frequenta la città, come già fecero figure storiche quali Paolina Borghese, la fascinosa Contessa di Castiglione, lo scrittore Friedrich Nietzsche o l’attrice Audrey Hepburn.



Tutte le info al sito www.delcambio.it  

Nessun commento: